In Venezuela la polizia politica di Maduro arresta due leader dell'opposizione

Dopo le elezioni dell'Assemblea Costituente, l'opposizione continua le proteste e Trump stabilisce nuove sanzioni. Il sindaco di Caracas Antonio Ledezma e Leopoldo Lopez, storico leader dell’opposizione, sequestrati dal Sebin

In Venezuela i servizi segreti di Maduro hanno arrestato due leader dell'opposizione

Antonio Ledezma (foto LaPresse)

In Venezuela, dopo le elezioni dell'Assemblea Costituente, l'opposizione mantiene la sua agenda di proteste: alcune strade di Caracas e di altre città sono rimaste chiuse in segno di contestazione al processo voluto dal governo per cambiare la Costituzione. E intanto l'organizzazione a difesa dei diritti umani Foro Penal ha reso noto che sono oltre cinquemila le persone arrestate dall'inizio delle manifestazioni. Secondo l'organizzazione che offre assistenza legale agli arrestati, quasi il 10 per cento delle persone fermate sono donne, la maggioranza sono giovani e studenti. Oltre 1300 degli arrestati rimangono dietro le sbarre. Solo domenica sono state fermate 96 persone.

Kafka a Caracas

L'odissea di Antonio Ledezma e Leopoldo López, colpevoli di aver protestato contro Maduro per le disastrose condizioni economiche in cui versa il paese. Intanto il presidente chavista crea nemici, interni ed esterni, per compattare la base sociale e far dimenticare un'atroce recessione

Secondo fonti della stampa locale, confermate dall’agenzia britannica Reuters, anche Antonio Ledezma, sindaco di Caracas, e Leopoldo Lopez, storico leader dell’opposizione, sono stati portati via dalle proprie case dalla polizia politica venezuelana (Sebin). A denunciarlo sono anche i membri delle loro famiglie. Nei primi giorni del luglio scorso e dopo 40 mesi di prigione a Ramo Verde, il governo di Maduro aveva concesso gli arresti domiciliari a Lopez, il fondatore di Voluntad Popular, condannato a 13 anni e 9 mesi nel 2015 perché ritenuto organizzatore delle proteste nel paese che nel 2014 causarono 43 morti. Da tempo l’opposizione definiva Lopez un prigioniero politico e diversi leader mondiali, fra cui il presidente americano Donald Trump, il Papa e l’Alto commissariato per i diritti umani dell'Onu avevano fatto pressioni per il suo rilascio. In un video recente l’oppositore simbolo al regime di Maduro aveva denunciato le torture subite all’interno del carcere. Antonio Ledezma, anche lui storico oppositore di Maduro, era già stato arrestato nel 2015.

    

I tweet di denuncia di Lilian Tintori, moglie del sindaco di Caracas:

E del deputato venezuelano Richard Bianco

 

 

Sono giorni che alcune strade venezuelane vengono bloccate. Lunedì, all'indomani della contestata elezione, centinaia di abitanti di Caracas si sono raccolti nella parte orientale della città per rendere omaggio ai morti di domenica – 16 secondo l'opposizione – e dei 121 che hanno perso la vita dall'inizio dell'ondata di proteste quattro mesi fa.

Intanto il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha commentato la decisione di Washington di congelare i suoi beni negli Stati Uniti, impedirgli l'ingresso nel paese e vietare agli americani di trattare o avere rapporti commerciali con il Venezuela e si è detto "orgoglioso" delle sanzioni. "Non obbedisco agli ordini imperialisti, non obbedisco ai governi stranieri, sono un presidente libero", ha detto Maduro, secondo il quale le sanzioni di Trump testimoniano la sua "disperazione" e il suo "odio" per il governo socialista. Solo Bolivia, Nicaragua e Cuba hanno appoggiato Maduro. Il governo cubano ha denunciato "l'operazione internazionale orchestrata" dagli Stati Uniti contro il Venezuela e ha definito "insolite e arbitrarie" le sanzioni imposte da Washington nei confronti del presidente Nicolas Maduro. In molti a non riconoscono invece la nuova costituente venezuelana, dal Brasile alla Colombia, dall’Argentina fino all'Unione europea.

Così Maduro ha ucciso il Venezuela

Oltre cento morti, decine di migliaia di feriti e un popolo ridotto alla fame. Il Venezuela era lo stato più ricco dell’America latina, il regime l’ha reso il più povero. Come siamo arrivati fin qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • melodia792

    melodia792

    01 Agosto 2017 - 17:05

    Hunale o sentito questa mattina, dopo l'arresto di Leopoldo López e Antonio Ledezma che si tratta di una misura illegale, data la sentenza del Tribunale Supremo. Ora, come si fa dire che è illegale? Qui non c'è il Tribunale Supremo che è un scrittoio di avvocati, alcuni dei quali veri e propri delinquenti, al servizio del dittatore Maduro. Tutto é illegale qui. Non facciamo illusioni.Purtroppo gli errori del passato si pagano per aver eletto Hugo Chàvez, come salvatore e redentore del paese, Si sono sottomessi e inginoicchiati quasi tutti i paesi latino americani e le isole anglofone dei Caraibi, dai petrodollari di Chvaez. Ecco da qui i drammatici risultati di questi giorni, causati anche dall'indifferenza dell'elettorato venezuelano.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    01 Agosto 2017 - 10:10

    In Venezuela l'85% della popolazione muore di fame ma ogni giorno migliaia di giovani hanno la travolgente energia di attaccare le forze dell'ordine e addirittura farsi ammazzare .Chi c'è dietro ? Anche in Siria è iniziato così I giovani si sono ribellati ad Assad e armati dagll'occidente hanno scatenato una guerra mostrousa con ormai milioni di morti. C'è il detto che il denaro par dare frutti deve girare lo stesso vale per le armi.

    Report

    Rispondi

Servizi