La Casa Bianca sono io

Anthony Scaramucci è un riflesso dell’ego di Trump, presidente che vuole soltanto specchi in cui rimirarsi 

La Casa Bianca sono io
New York. Nel debutto sui talk-show domenicali come direttore della comunicazione della Casa Bianca, Anthony Scaramucci ha parlato a un’audience composta da un solo spettatore, contemporaneamente input e output del messaggio dell’amministrazione. Lo scopo principale della ricognizione televisiva non era articolare un messaggio politico per conto del presidente, ma giurare pubblicamente fedeltà a Donald Trump dopo il terremoto interno che ha fatto saltare il portavoce, Sean Spicer. A un certo punto Scaramucci si è rivolto esplicitamente al presidente che religiosamente...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    25 Luglio 2017 - 22:10

    Non voglio farle avere un attacco di bile portando come fonte Rush Limbaugh che conduce la trasmissione radio piu` seguita negli Stati Uniti. Giorni fa avete censurato una mia precisazione e la fonte era proprio Rush Limbaugh che raggiunge piu audience lui in un giorno che lei in molti mesi. Riguarda la CNN,Scaramucci ecc. ecc. Ribadisco cio` che Rush Limbaugh ha detto piu` volte nella sua trasmissione. La CNN ha fatto DIMETTERE i suoi tre giornalisti e chiesto scusa al Signor Scaramucci che lei oggi tratta come la CNN e` solita trattare coloro che collaborano con Trump in quanto l`ITALOAMERICANO aveva avviato una richiesta di 100 milioni di dollari per danni ecc. ecc. Questo e` la causa della marcia indietro a questa notizia FAKE. Per favore non parli di etica giornalistica non mi sembra prorpio il caso.

    Report

    Rispondi

Servizi