Macron e la Libia

A Parigi l’incontro-simbolo tra Haftar e Serraj. Gli obiettivi dell’Eliseo e la querelle (stanca) con l’Italia

Macron e la Libia

Macron in visita alla base aerea di Istres

Roma. Martedì Emmanuel Macron accoglie a Parigi i leader delle due fazioni principali della guerra civile libica: il generale Haftar e il presidente del Consiglio libico Fayez al Serraj. L’incontro è stato organizzato la settimana scorsa per “facilitare un accordo politico tra il presidente del Consiglio libico e il comandante dell’esercito nazionale libico nel momento in cui Ghassan Salamé, rappresentante generale dell’Onu in Libia, che parteciperà alla discussione, assume le sue funzioni di mediatore”, si legge in una nota dell’Eliseo.  ...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    25 Luglio 2017 - 15:03

    Macron "u curtu francese" batte Renzi from Rignano city 2 a 0: 1perchè ha dormito sul problema per tre anni e 1 perchè "aiutiamoli a casa loro "oggi, quando la Libia è (sempre stato anche) our business. Il maggiordomo non ha colpe e , purtroppo, il Ministro fa i gemellaggi ma anche lui è intervenuto a cose deteriorate. Un must di un primo ministro di 41 anni (come "u curtu francese"), non deve attendere i problemi ma anticiparli e quindi gestirli (e si che la Libia non dovrebbe avere segreti per noi). Che vergogna: peracottari (ex primo ministro e ex ministro interni oggi "Esteri", quanto a Gentiloni, come ex Esteri lo assolvo in quanto posso immaginare quanto poteva essere tenuto in conto un suo intervento con il Gianburrasca solo al comando.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    24 Luglio 2017 - 22:10

    E così i francesi per la seconda volta ce lo mettono in quel posto. Che bravi che siamo!

    Report

    Rispondi

Servizi