Strasburgo contro il fondamentalismo della sharia

La Corte ha bocciato il ricorso del capo di un'organizzazione salafita, focolaio di radicalismo islamico. Il suo comportamento è “in contraddizione con i valori di tolleranza, pace sociale e non discriminazione"

Strasburgo contro il fondamentalismo della sharia

Fouad Belkacem, già dirigente e portavoce di Sharia4Belgium

Non c’è libertà per i nemici della libertà. Può essere riassunta in questo modo la decisione di ieri della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha dichiarato non ammissibile il ricorso presentato da Fouad Belkacem già dirigente e portavoce di Sharia4Belgium, ben nota organizzazione salafita focolaio di radicalismo islamico. Belkacem registrava video da postare su Youtube nei quali insultava i politici, invocava la loro discesa agli inferi, incitava alla conquista islamica: “Umma, cari fedeli, adesso basta. Il dialogo appartiene al passato. Oggi bisogna parlare di Jihad, (…) di sharia, (…) di come dobbiamo dominare”. I tribunali belgi che avevano valutato precedentemente la vicenda avevano tutti condannato Belkacem perché la sua condotta era stata ritenuta in violazione di numerose leggi. Chiarissima era stata l’ultima parola della Corte di Cassazione: “(Belkacem) incita indiscutibilmente alla discriminazione sulla base della religione, alla segregazione, all’odio e alla violenza contro i non musulmani. Lo fa con volontà e piena coscienza e quindi in maniera intenzionale”.

  

Parole pesanti come pietre, davanti alle quali sembrava impossibile qualsiasi ricorso. Secondo Belkacem però non era possibile provare la sua intenzione di incitare all’odio o alla diffusione della violenza, il suo obiettivo era invece solo quello di “diffondere delle idee o delle opinioni”. E con questa “originale” teoria si è presentato davanti alla Corte di Strasburgo. La seconda sezione della Corte, presieduta dall’italo-islandese Robert Spano, non se l’è bevuta. Ad avviso della Corte la condotta di Belkacem è apertamente “in contraddizione con i valori di tolleranza, di pace sociale e di non discriminazione che sono alla base della Convenzione”. Tecnicamente la Corte ha applicato l’articolo 17 della Convenzione che disciplina l’abuso di diritto. Non è quindi possibile abusare del diritto di libertà d’espressione garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo con l’obiettivo di distruggere quelle stesse libertà che la Convenzione intende garantire. I giudici ricordano inoltre come in decisioni precedenti la Corte si era già espressa a favore di misure statali interdittive nei confronti di movimenti politici basati sul fondamentalismo religioso e che volessero stabilire su regime politico fondato sulla Sharia. La pronuncia dei giudici di Strasburgo non è banale e l’invocazione dell’articolo 17 indica che i giudici sono ormai pronti anche ad utilizzare misure eccezionali. Stavolta l’Europa ci chiede di difendere per tutti le nostre libertà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pg.to

    21 Luglio 2017 - 16:04

    Wow, c'è un giudice a Strasburgo!

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    21 Luglio 2017 - 14:02

    Ripetete con me: "ma il vero pericolo per l'Europa sono i populisti (specie se di destra)"

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    21 Luglio 2017 - 13:01

    Se '(Belkacem) incita indiscutibilmente alla discriminazione sulla base della religione, alla segregazione, all’odio e alla violenza contro i non musulmani' e per questo è stato condannato in ogni possibile grado di giudizio, allora l'Islam è altrettanto incompatibile con 'i valori ....alla base della Convenzione'. Dovremmo essere grati a questo moderato che si limitava a diffondere opinioni invece di sgozzare direttamente, perchè ha chiarito come stanno le cose.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    21 Luglio 2017 - 11:11

    Speriamo duri tale fermo atteggiamento e speriamo che venga attuato uniformemente in tutta l'UE e ancor meglio in tutto l'occidente

    Report

    Rispondi

Servizi