Due morti e centinaia di feriti negli scontri a Gerusalemme

Lanci di pietre, gas lacrimogeni e cannoni ad acqua durante i disordini avvenuti nella "giornata della rabbia" indetta dai palestinesi - Le foto

Gerusalemme

LaPresse/Reuters

Scontri e tensione a Gerusalemme est tra le forze israeliane e i manifestanti palestinesi, dopo che i leader musulmani e le fazioni politiche palestinesi hanno esortato i fedeli ad una "giornata della rabbia" contro le nuove politiche di sicurezza messe in campo sulla Spianata delle Moschee. Da domenica scorsa sono stati installati metal detector all'ingresso della zona, luogo santo dell’islam e dell’ebraismo, dopo l'attentato della scorsa settimana in cui sono rimasti uccisi due poliziotti israeliani. Oltre 190 feriti e almeno due morti tra i palestinesi è il bilancio provvisorio degli scontri, secondo Haaretz, che vedono fumogeni e cannoni ad acqua intenti a disperdere i musulmani armati di pietre e altri oggetti. Non sono ancora chiare le circostanze della morte dei due uomini uccisi. 

  

Dall'Unesco al Jihad, assalto a Gerusalemme. Uccisi due poliziotti

Dalle moschee di Gaza alla basilica di Betlemme, l'islam radicale e i palestinesi li usano per attaccare Israele. Morto il figlio di un ex deputato

  

L'agitazione va avanti dal primo pomeriggio e l'accesso alla Spianata è stato limitato agli uomini sopra i 50 anni e alle donne di tutte le età. Ci sono posti di blocco sulle strade di avvicinamento a Gerusalemme che fermano i bus con i fedeli diretti al santuario. Nickolay Mladenov, coordinatore speciale dell'Onu per i colloqui di pace fra Israele e palestinesi, ha fatto appello alla calma, mentre la Casa Bianca ha esortato a trovare una soluzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    22 Luglio 2017 - 12:12

    UNESCO = United Nations Extremism Sabotage Cancerous Organization

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    21 Luglio 2017 - 17:05

    Invece di sparare frasette isignificanti, la Casa Bianca TAGLIASSE FONDI ONU e UNESCO, azzerandoli entro 24ore. Il coordinatore speciale ONU castigasse pubblicamente le autorità palestinesi per la giornata della rabbia. Il PAPA svergognasse sebza mezzi termini l'espressione violenta della "rabbia" . Infine: METAL DETECTOR esistono alla MECCA e al VATICANO da anni come in ogni areoporto del mondo. Per colpa dell'Islam. Dovremmo essere noi, altro che i palestinesi, a indire la GIORNATA MONDIALE DELLA RABBIA, E DELL'ORGOGLIO, contro l'intolleranza islamica, e l'omicidio dei poliziotti israeliani.

    Report

    Rispondi

    • Giovanni

      22 Luglio 2017 - 15:03

      Ottimo. Quoto al 100%

      Report

      Rispondi

Servizi