Il delizioso hard power di Macron

Il presidente ha licenziato un quadro amato dell’esercito, il capo di stato maggiore, e la storia ci dice molto sulla sua traiettoria. Modernizzatore, sì, ma restauratore di un antico primato della politica su tutto, esercito, economia, società. Da seguire

Il delizioso hard power di Macron

Foto LaPresse

Dopo la burinaggine goffa di Sarkozy e l’insipienza colloquiale e infelice di Hollande, Macron aveva promesso una presidenza “jupitérienne”, gioviale, nel senso di distante, decidente e solida prima di tutto nel campo ad essa riservato, che è quello della sicurezza, della difesa, della politica estera. Ha licenziato su due piedi un quadro amato dell’esercito, appena prorogato di un anno nella sua funzione di capo di stato maggiore, Pierre De Villiers, perché aveva lasciato trapelare una sua frase in Parlamento, non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    20 Luglio 2017 - 10:10

    Paragoni impossibili. Macron ha il potere vero datogli dalla costituzione e legittimato dal popolo. Macron governa e ne ha la facoltà e responsabilità. La grandezza di un popolo e paese si vede da questo non da inciuci levantini da magna grecia. Loro sono, noi non siamo e con queste mentalità mai saremo. Renzi se fosse stato uno statista e vista l'ingovernabilità parlamentare avrebbe chiesto subito le elelzioni e tentato di vincere in un momento di grazia irripetibile e poi fare una riforma elettorale per dare al paese governabilità chiunque vincesse. Invece siamo alle manovre bizantine e alleanze che ci condannano ad essere nani politici. Siamo condannati alle coalizioni ed una riforma elettorale seria e vera non la vuole nessuno. Ne a destra, ne a sinistra, ne al centro e men che meno i populisti. Questo è il punto. Quale forma migliore delle coalizioni per farsi i casi loro? E dell'Italia? Chissenefrega. Macron è altro Direttore e speriamo che se la cavi. Sia per lui che per noi.

    Report

    Rispondi

    • mauro

      24 Luglio 2017 - 10:10

      A noi, non farà nessuno sconto. Anzi, all'occasione, qualche calcio nel sedere possiamo già metterlo in conto.

      Report

      Rispondi

  • luigi.desa

    20 Luglio 2017 - 10:10

    Bravo Elefantino innamorato di Macron .Un guercio in un mondo di cechi .Lo ha a scritto , Sarkocy Hollande sono lillipuziani allora un paperotto la entusiasma ?

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    20 Luglio 2017 - 09:09

    In Francia travaglio vuol dire solo lavoro, e non esistono caselli, nemmeno autostradali.

    Report

    Rispondi

Servizi