Bibileaks

Il fuorionda del premier israeliano Netanyahu su Europa, Siria e Trump

Bibileaks

"Non c’è alcuna logica. Logorando i suoi rapporti con Israele, l’Ue mina la sua stessa sicurezza. Sta minacciando il proprio progresso compromettendo i legami con il più grande polo di innovazione al mondo per colpa di un tentativo folle di creare precondizioni politiche. L’Ue è l’unica organizzazione di stati a stabilire le sue relazioni con Israele, che fornisce loro la tecnologia, su condizioni politiche. Nessun altro lo fa. E’ una cosa da pazzi. Ed è contro i suoi stessi interessi. Persino i paesi arabi parlano con noi di tecnologia e di tutto quello di cui stiamo discutendo qui”. Il fuorionda del premier israeliano Benjamin Netanyahu, in visita in Ungheria, è iniziato così: pensava che il microfono fosse spento, ma tutti i giornalisti presenti hanno sentito in cuffia le sue parole. Il primo ministro ungherese Viktor Orbán interrompe con una risata: “L’Unione europea è ancora più singolare. Pone condizioni anche agli stati al suo interno, non solo ai partner esterni”. Netanyahu riprende: “Penso che l’Europa debba scegliere se vuole vivere e prosperare o se vuole avvizzire e scomparire. Io non sono molto politicamente corretto. So che è uno choc per alcuni di voi. Ma la verità è la verità. Sia la sicurezza dell’Europa sia il futuro economico dell’Europa necessitano di una politica diversa nei confronti di Israele. Noi siamo parte della cultura europea. A est di Israele, non c’è più Europa. Prima di tutto vi suggerisco di aiutarci ad accelerare la formazione di accordi tra Europa e Israele, e che passiate un messaggio ai vostri colleghi su come aiutare l’Europa stessa. Tutto (ciò che Israele può offrire, ndr) è a vostra disposizione, in qualsiasi campo. Dunque smettetela di attaccare Israele. Sostenetelo, invece, come gli americani, i cinesi e gli indiani stanno già facendo”.

 

E ancora il premier israeliano: “Abbiamo avuto un grosso problema con gli Stati Uniti. E’ diverso ora. C’è una presenza americana rinnovata nella regione (la Siria e il medio oriente in generale, ndr) ed è positivo. (Con l’Amministrazione di Donald Trump, ndr) siamo d’accordo sullo Stato islamico, non sull’Iran. Ho detto anche a Putin che se vediamo l’Iran che passa armi a Hezbollah sul nostro confine, intraprenderemo azioni militari, come abbiamo fatto (già in passato, ndr) una dozzina di volte, senza avere problemi con la Russia. Abbiamo bloccato la frontiera non solo in Egitto, ma sulle alture del Golan. Abbiamo costruito il muro perché c’era un problema con lo Stato islamico e l’Iran cerca di costruire là un fronte terrorista. Credo nella libera circolazione delle merci e delle idee, ma non delle persone. Proteggete i vostri confini”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    20 Luglio 2017 - 10:10

    Grande Netanyahu. Peccato non abbia passaporto italiano, sarebbe un candidato premier eccellente per il centro-destra

    Report

    Rispondi

Servizi