Linda emersa in Iraq

Una sedicenne tedesca che si era unita allo Stato islamico rispunta a 600 km dall’ultimo avvistamento

Linda emersa in Iraq

Foto LaPresse

Roma. Quando hanno preso anche gli ultimi metri di Mosul che erano ancora controllati dallo Stato islamico, i soldati iracheni hanno trovato una sedicenne bionda. Pensavano fosse una sabaya, vale a dire una schiava, appartenente agli yazidi – la minoranza perseguitata dallo Stato islamico – perché non parlava arabo come gli arabi, sul posto è arrivato di corsa anche un responsabile yazida che si occupa di identificare le prigioniere liberate. La ragazza però è Linda Wenzel, una tedesca che abitava...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi