I "musulmani moderati" che scelgono Berlino

Sono i Voltaire tedeschi. Ma hanno tutti bisogno della scorta sotto la porta di Brandeburgo

I "musulmani moderati" che scelgono Berlino

Berlino omaggia le vittime dell'attacco terroristico Attacco a Westminster. Foto Sipa USA

Roma. Seyran Ates ha della Germania una visione che è l’esatto contrario di quella che aveva un altro tedesco, il Premio Nobel per la letteratura Günter Grass: un bagno intasato, “continuiamo a tirare l’acqua, ma la merda torna sempre a galla”. Per Seyran Ates, la Germania è invece una benedizione della libertà.      Per questo Ates aveva pensato che non ci fosse posto migliore di Berlino per aprire la Ibn Rushd-Goethe, la prima “moschea liberale”, aperta a donne senza...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • andrea.milani82

    13 Luglio 2017 - 07:07

    Intanto un seme lo piantano... E le idee non per forza si diffondono velocemente, ci vorrà pazienza

    Report

    Rispondi

  • kagliostro

    13 Luglio 2017 - 06:06

    Tutto esatto tranne che, caro Meotti, Voltaire nmon aveva i tagliagole addosso perché il tagliagole era lui...

    Report

    Rispondi

Servizi