Viaggio di un filosofo in Inghilterra

David Selbourne racconta per il Foglio il suo paese fra pacifismo corbinista, povertà culturale dei conservatori e Brexit. “Il politicamente corretto ha reso invisibile l’elefante nella stanza: l’avanzata dell’islam”

Viaggio di un filosofo in Inghilterra

Jeremy Corbyn (foto LaPresse)

E’una sorpresa per alcuni che Jeremy Corbyn e i neo-trotzkisti (o pseudo-rivoluzionari) del gruppo Momentum siano al comando del Partito laburista. Ma è più sorprendente che il Partito conservatore abbia fatto un lavoro così misero nelle sue opportunità politiche e nei suoi obblighi morali nei confronti del popolo britannico. Il Labour di Corbyn è un coacervo di cause eterogenee, alcune delle quali dettate dalla moda. Includono il pacifismo in tempo di guerra, la politica di diritti senza doveri, le limitazioni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi