Appello sull'Unesco contro la delegittimazione di Israele

Facciamoci sentire contro chi vuole cancellare Israele dalla storia. Firmano ebrei, laici e musulmani

Appello sull'Unesco contro la delegittimazione di Israele

Di fronte alla delegittimazione di Israele da parte dell’Unesco è opportuno che i ministri di questo governo, i loro collaboratori, e i grandi intellettuali italiani facessero proprio l’appello che nel 1974, un anno dopo la guerra del Kippur, scelsero di sottoscrivere alcuni pezzi grossi della cultura italiana. In ballo, oggi come ieri, c’era il rapporto tra Israele e Unesco e lo firmarono in tanti. Ignazio Silone, Carlo Casalegno, Arnoldo Foà, Vittorio Gassman, Franco Lucentini, Eugenio Montale, Giovanni Raboni, Leonardo Sciascia, Giorgio Strehler e Franco Zeffirelli. L’appello era questo. “L’Unesco è un organismo delle Nazioni Unite che ha per compito quello di difendere l’educazione, la scienza, e la cultura. Quanto è avvenuto rappresenta una perversione: uno stravolgimento del suo ruolo. I sottoscritti rifiutano di collaborare a questo organismo sino a che non abbia provato nuovamente, nei riguardi di Israele di essere fedele ai propri fini”. Quell’appello lo riproponiamo sul nostro giornale. E non è un appello di circostanza, ma per evitare che vada a segno quello che è l’obiettivo neppure troppo mascherato dell’Unesco di oggi: cancellare lo Stato ebraico, a partire dalla sua storia.

Appello contro l'Unesco che vuole spazzare via la storia di Israele

Un anno dopo il negazionismo sul Muro del Pianto, l’Unesco ci riprova e conferma di essere portavoce di un pezzo di mondo che vuole eliminare Israele. Perché il governo italiano deve rivedere il suo rapporto con l’Onu e dire di sì a una proposta fogliante

Hanno firmato Giuseppe Laras, presidente emerito dell’Assemblea rabbinica; Riccardo di Segni, rabbino capo di Roma; Marcello Pera, ex presidente del Senato; la scrittrice Antonia Arslan; Cyril Aslanov, Università di Gerusalemme; Alfonso Arbib, rabbino capo di Milano; Roberto della Rocca, responsabile Educazione dell’Unione comunità ebraiche italiane (Ucei); Ruth Dureghello e Ruben della Rocca, presidente e vicepresidente della Comunità ebraica di Roma; Giacomo Marramao, docente di Filosofia a Roma Tre; Giuliano da Empoli, presidente di Volta Italia; David Meghnagi, assessore alla Cultura dell’Ucei; Barbara Pontecorvo, presidente di Progetto Solomon; Stefano Parisi; Davide Romano, assessore alla cultura della Comunità ebraica di Milano; Elia Richetti, rabbino di Venezia; David Sciunnach, rabbino capo di Parma; Vittorio Robiati Bendaud; Andrée Ruth Shammah e Maryan Ismail, presidente dell’Associazione musulmani laic; Giulio Sapelli; Giovanni Orsina, Mario Mieli. (Per aderire scrivere a vivaisraele@ilfoglio.it)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    12 Luglio 2017 - 23:11

    Viva Israele! Piccolo popolo ma grande civiltà nata con le più antiche grandi civiltà scomparse sotto la polvere dei secoli , mentre tu, combattuto da tutti e sempre combattente per sopravvivere, hai saputo attraversare indenne la storia dell'umanità mantenendo integra la tua ammirevole identità umana e civile. Nessuno riuscirà mai a vincerti Israele, perchè hai dato al mondo il Figlio di Dio Messia e Salvatore e Redentore dell'umanità, l'ebreo Gesù Figlio di Dio e dell'ebrea Maria SS. Viva Israele!

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Luglio 2017 - 17:05

    Dal 1948 con la epopea della nascita di una nazione la più civile sempre con Israele.luigi de santis

    Report

    Rispondi

Servizi