Gli scontri ad Amburgo per il G20

Per il G20 di oggi migliaia di attivisti si sono radunati per le strade di Amburgo e hanno dato alle fiamme negozi e automobili, tentando anche di bloccare il porto della città. Gli scontri con la polizia (111 i feriti tra le forze dell'ordine solo ieri) sono andati avanti tutta la notte. Molti dei manifestanti indossavano una maschera e urlavano "Il capitalismo affonda" e "Benvenuti all'inferno". Giovedì erano 12 mila le persone che si sono unite alle marce di protesta che hanno sfilato per la città. La polizia ha dovuto usare anche i cannoni ad acqua per disperdere i manifestanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    07 Luglio 2017 - 12:12

    Ad Amburgo convenuti delinquenti di piazza addirittura da tutto il mondo. 111 feriti tra i poliziotti. Ebbene i paesi che consentono a queste masse di delinquenti ( in Italia e dal post terrorismo che si divertono) di fare il bello e cattivo tempo a loro piacimento spesso oltre allo scontro con le forze dell'ordine anche sconfinando nella devastazione ( sulla quale i giudici italiani fanno i finti ciechi) e nella rapina non sono paesi il cui regime si ispira a principi liberali. Un paese liberale a fronte di tanta violenza delinquenziale deve ricordare e prendere esempio da Bava Beccaris. La vera democrazia liberale è un meccanismo delicatissimo che quando è attaccata ed in pericolo deve agire con il massimo della forza ( come disse Ferrara per reagire alla violenza jiadista contro le torri.

    Report

    Rispondi

Servizi