In Polonia i pensieri di Trump sono rivolti a Russia e Corea del Nord

Il presidente americano ammette che "Mosca potrebbe aver interferito nelle presidenziali 2016". E sull'ultimo test missilistico di Pyongyang dice: "E' infame e pericoloso e dovremo occuparcene"

In Polonia i pensieri di Trump sono rivolti a Russia e Corea del Nord

Foto LaPresse

"Mosca potrebbe aver interferito nelle presidenziali 2016". Da Varsavia Donald Trump apre alla possibilità di un'intromissione russa nella campagna elettorale americana. Non una certezza, soltanto una possibilità. Il presidente infatti non esclude "che potrebbero essere stati altri paesi" a interferire nel voto. Certo è invece che Trump stia elaborando "insieme alla Polonia, un modo per reagire ai comportamenti aggressivi e destabilizzanti della Russia".

 

Affermazioni che non sono piaciute al Cremlino, che tramite il portavoce, Dmitry Peskov, ha sottolineato il proprio scetticismo: "Non siamo d’accordo con un simile approccio", ha detto Peskov ai giornalisti, aggiungendo che nel prossimo incontro in programma Trump e Putin, che si terrà domani a margine del G20 di Amburgo, "potranno scambiarsi di persona i loro pensieri sulle questioni più importanti e, cosa di maggior interesse, sarà l’occasione per intendersi e finalmente capire il vero approccio di ciascuno nelle relazioni bilaterali, non l’approccio che è diffuso dai media".

Trump in Polonia ha affrontato anche il tema terrorismo ribadendo come "l'occidente debba affrontare seriamente la questione per dimostrare la volontà di sopravvivere". Un problema che nel pensiero del presidente americano si deve allargare anche alla Corea del Nord. Per Trump il comportamento di Pyongyang – che martedì ha testato un missile intercontinentale – è "infame e pericoloso e dovremo occuparcene. Stiamo pensando a cose gravi e ci saranno delle conseguenze". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • kikka.fabry

    06 Luglio 2017 - 19:07

    Addirittura si dà dell'emerito stronzo al presidente degli stati uniti. Beh posso capire Obama era proprio di un'altra caratura. per fortuna gli americani possono ancora scegliere il loro presidente. Mi tengo per fortuna alla larga dalle manifestazioni di piazza degli indignati a comando

    Report

    Rispondi

  • fguidotti

    06 Luglio 2017 - 17:05

    Per carità, Trump non osi intralciare i piani della Germania, ops, dell’Europa altrimenti il Sig. Giovanni si arrabbia. I Polacchi non hanno bisogno dell’aiuto di alcun presidente americano per non fidarsi dei tedeschi, gli bastano secoli di storia.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    06 Luglio 2017 - 16:04

    Ho ascoltato su Euronews una parte del discorso di Trump in Polonia e a me è sembrato più che altro un insinuante attacco all'UE e un invito ai polacchi ad avvicinarsi agli USA. Solo qualche accenno e indiretto alla Russia. Insomma, questo emerito stronzo va a seminare zizzania nel paese, che almeno in questo momento ha parecchie criticità con l'UE e sopratutto con la Germania ma che teme da sempre l'espansionismo russo? Dunque è chiaro l'atteggiamento ostile nei confronti dell'unificazione europea. Intendiamoci, quasi tutti i presidenti americani, chi più chi meno, non hanno visto di buon occhio la formazione di un grande paese europeo ma questo ci va giù pesante. Dai complimenti alla Gran Bretagna per la Brexit al discorso di oggi è stata tutta una escalation.

    Report

    Rispondi

Servizi