Gli austriaci si rimangiano tutto: niente corazzati al Brennero

Sulla crisi dei migranti Vienna ritratta: "Un equivoco, nessuna emergenza al valico. La cooperazione con l'Italia è buona". E promette che "contribuirà in modo costruttivo" alla riunione dei ministri dell'Interno dell'Ue, che si apre domani a Tallinn

Gli austriaci si rimangiano tutto: niente corazzati al Brennero

Il confine al valico del Brennero (foto LaPresse)

L'Austria cerca di ricucire con l'Italia, dopo la crisi seguita alle dichiarazioni secondo cui Vienna avrebbe inviato militari al confine per bloccare il flusso di migranti. "Non stiamo dispiegando corazzati al Brennero e posso sottolineare ancora una volta che la cooperazione con l'Italia è veramente buona", ha spiegato in conferenza stampa il cancelliere austriaco Christian Kern, dopo un colloquio telefonico, questa mattina, con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Il cancelliere ha anche sottolineato che Roma "ha bisogno della solidarietà europea" dopo gli sbarchi degli ultimi mesi e ha promesso che alla riunione dei ministri dell'Interno dell'Ue, che si apre domani a Tallinn, l'Austria "contribuirà in modo costruttivo".

  

Il Cancelliere ha parlato con al fianco il ministro della Difesa Hans Peter Doskozil, responsabile delle affermazioni contestate – a seguito delle quali la Farnesina ha convocato ieri l'ambasciatore austriaco a Roma. Un “equivoco”, secondo Vienna: "In questo momento non ci sono indicazioni secondo cui le autorità italiane non sono in controllo della situazione" al confine e “il numero di arrivi in Austria è rimasto stabile". A confermare la tranquillità al valico alpino è il direttore della polizia del Tirolo Helmut Tomac: nei primi sei mesi del 2017 i transiti illegali attraverso il Brennero sono stati 3.450 contro gli 11.812 complessivi del 2016.
   

Kern ha chiarito che è stato messo a punto un piano d'emergenza che prevede lo schieramento di truppe e blindati al confine qualora dovessero aumentare in modo preoccupante gli arrivi di migranti. Per questo quattro blindati Pandur-Radpanzer sono stati spostati in Tirolo, ma non al Brennero: restano parcheggiati nella caserma della Jaegerbrigade (militari specializzati per operazioni in scenari montani e impervi) a Kranebitten, alle porte di Innsbruck, non distante dall'aeroporto internazionale.
  

Secondo il rapporto annuale di Easo, l'ufficio europeo di sostegno per l'asilo, nel 2016 quasi 1,3 milioni di richieste di protezione internazionale sono state presentate nei paesi dell'Unione europea. Si tratta di una diminuzione del 7 per cento rispetto al 2015, quando erano state presentate 1,4 milioni di richieste di protezione internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • angelo54

    05 Luglio 2017 - 18:06

    Ma i pagliacci, di solito, non siamo noi italiani ?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Luglio 2017 - 17:05

    A sbarchi iniziati ( circa 2007) 'troppi' italiani mostrarono un entusiasmo accogliente sospetto. Il moderno schiavismo .Ragione forte è quella di Buzzi tra migranti e droga. Lavoro nero o a bassissimo costo. Nuovi schiavisti putativi i sinistri politici e giornalisti italiani sempre a suonare la grancassa dell'accoglienza come imperativo categorico.La più parte dei migranti stagnanti in Italia sono trattati più o meno come animali nei CARA o nei CIO .Le cooperative che con tanto amore accolgono i migranti poi cosa gli fanno fare?Il governo italiano a fronte dell'invasione si è mostrato di una incompetenza vergognosa . Aveva un problema idraulico e ha convocato falegnami.Ha imposto una norma burla caricando i sindaci ( un pò sordi ) di una quota del 2% .La vera distribuzione sarebbe stata per equità accollare quest 2% anche ai quartieri delle medio-grandi città per evitare che i Vip in tv reclamassero con forza l'accoglienza certi di non avere tra le balle i giovanottoni neri

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      05 Luglio 2017 - 18:06

      Una volta si chiamava "lumpen proletariat" e "esercito di riserva".... Che i sinistri italiani non conoscano Marx non è comunque una novità. E' sempre stata solo una foglia di fico.

      Report

      Rispondi

      • lorenzopalermo

        06 Luglio 2017 - 21:09

        Mezzi corazzati austriaci.... Ve l'immaginate se avessero delle cannoniere....

        Report

        Rispondi

Servizi