I media continuano a godersi il "Trump bump", che però non è affatto a senso unico

Più audience, più abbonamenti, più condivisioni per tutti. Ma nel mondo conservatore l’effetto si sente molto di più. Tre nomi e un’anomalia

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

I media continuano a godersi il "Trump bump", che però non è affatto a senso unico

Donald Trump (foto LaPresse)

Milano. Lo show business trumpiano è da sempre redditizio, i media americani da mesi ormai – tutto è iniziato durante la campagna elettorale dell’anno scorso – sottolineano come la presidenza Trump, sovente suo malgrado, abbia resuscitato il mondo dell’informazione. Più pubblico, più abbonamenti, più condivisioni: ognuno va a caccia della verità, e ora rischia di trovarne una che gli piacerà, lo soddisferà, lo farà brillare alle cene – una verità a propria immagine e somiglianza, che meraviglia della modernità. Mentre...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi