Il gigante "corrotto" e detestato dagli sciocchi che ci ha lasciato l'Europa

Ha riunificato la Germania con un capolavoro dell'arte dello stato. Lo hanno crocifisso, ma ha taciuto fino all'ultimo. Kohl è nostro padre in molti modi diversi

1990, Helmut Kohl durante la campagna elettorale nell'ex Germania Est

1990, Helmut Kohl durante la campagna elettorale nell'ex Germania Est (LaPresse)

Non so se interessino i dettagli politici, in epoca di moralismi farlocchi, ma Helmut Kohl ha riunificato la Germania. La cosa ha un certo valore, si connette alla completa riconciliazione politica con la Francia espressa da una stretta di mano sui campi di battaglia di Verdun, esprime e compie una vocazione nazionale notoria fin dai tempi di Otto von Bismarck, e prima ancora, ma si inserisce nell’avanzamento del più grande e fatale progetto di integrazione sovranazionale mai concepito in occidente, l’Unione europea. Dunque questa figura gigantesca ha avuto un rango mondiale e ha preso parte costruendo il futuro del mondo alla fine della Guerra Fredda, drammatico prolungamento in nuove forme delle guerre mondiali del Novecento.

 

Ecco, Kohl era tutto quello che gli sciocchi detestano. Un faticone della politica di partito, un tedesco grasso e mangione, torreggiante nei suoi quasi due metri, brusco e scostante, colloquiale e antipatico. Era un professionista, un membro autorevole e scorbutico delle élite, un maschiaccio capace di tenere testa a Margaret Thatcher, di imporre la sua agenda trasformando la chiacchiera retorica della Ostpolitik in un patto di ferro garantito da americani e sovietici, allora all’ultimo respiro, per rifare Germania ed Europa su basi democratico-liberali, riscattando una nazione perduta, la Germania dell’est, da uno stato di bancarotta socialista e di abbrutimento culturale e antropologico, testimoniato dalle opere di Christa Wolff e di Heiner Mueller. Gli abitanti della Repubblica democratica della Stasi e delle vite degli altri ebbero i marchi dell’ovest in rapporto di uno a uno, e Kohl ebbe con la Bundesrepublik la gloria difficilmente deperibile di un capolavoro dell’arte dello stato.

 

Inoltre, ed è un fatto saliente se si pensi a quante sciocchezze si dicono sul tema, Kohl era quel che si dice un “corrotto”. Trafficò per incanalare finanziamenti ingenti, prodotti da affari ben regolati sulla base del rapporto tra poteri (Mitterrand era della partita), in conti esteri e segreti. Per di più dalla sua bocca non è mai uscita una parola sulle origini e gli attori del complesso scambio di denari utili alle campagne elettorali e alla politica della sua amata Cdu. Lo hanno crocifisso per questo, ma l’uomo di stato ha taciuto fino all’ultimo. Una tragedia personale, con perdita della reputazione e perfino della carica di presidente d’onore del suo partito, che si è ripercossa, dopo la disfatta elettorale del 1998 contro Gerhard Schroeder, alla fine di sedici lunghi anni di regno sul paese e venticinque sul partito, in una vita estrema funestata dall’ostracismo, dalla malattia e dalla perdita della moglie malata. Il gigantismo di una grande storia politica si annida in simili particolari. Siamo figli di quel che Kohl ha saputo immaginare, dei tempi che ha saputo imporre alla politica europea e mondiale, delle scelte a ridosso della caduta del muro di Berlino, e siamo il prodotto, con la nostra brava moneta, degli accordi di Maastricht e della prefigurazione del futuro che Kohl ha scritto, insieme con Mitterrand, negli anni cruciali di rifondazione del nostro habitat statale e politico. Siamo la progenie di un istinto di calcolo, di un senso dell’amicizia e della necessità storica nei rapporti tra i popoli, Kohl è nostro padre in molti modi diversi, ed era uno delle élite, un uomo di partito, un uomo di stato di quelli che oggi ci sogniamo, e un corrotto, se vogliamo stare alle stupidaggini e alle aggettivazioni poco sottili dei bacchettoni che non hanno mai combinato nulla nelle loro vite.

 

Giulio Andreotti era un uomo intelligente, su questo non ci sono dubbi, e aveva una sua expertise in fatto di geopolitica, essendo sempre stato un uomo del Vaticano oltre che della Democrazia cristiana degasperiana e postdegasperiana: me lo ricordo quando disse in un parco romano che amava tanto la Germania – ed eravamo lì, nel mezzo degli eventi – che di Germanie preferiva averne due. Splendida battuta. Più splendido ancora il gesto sovrano della grande politica che ci diede un solo Kohl e una sola Germania come pegno per l’Europa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Giugno 2017 - 11:11

    La Germania è quella di sempre.E' stato necessario schiacciarla due volte nella prima metà del secolo del XX sec., Kohl ha seguito la solita solfa del delirio della grande Crucconia .Nessuno stato in Europa ha guadagnato dalla riunificazione della Germania e oggi per gli euro-patiti sarebbe molto meglio avere nella UE uno stato in più che la ancora fottuta Deutschland uber alles . Ogni tanto bisognerebbe ricordare ai tedeschi le due guerre e non solo l'asfissiante rosario su Hitler che in 70 anni sarà arrivato al miliardo di lagne in infinite forme ma anche Hindenburg ( l'Austria aveva un esercito modesto ) che profittò del episodio del solito anarchico per scatenare una guerra feroce e poi fare il mallevadore di Hitler. Grande rispetto per la grande e secolare cultura tedesca ma noi resto di Europa la abbiamo pagata cara due volte E adesso tre, pur dicendo la storia che la cara Merkel o un erede saranno ancora una volta schiacciati. Allora un pò di dignità,suvvia

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    19 Giugno 2017 - 09:09

    E' un bel riflettere, quello dell'Emerito, sulla grandiosità delle tragedie che la Germania sistematicamente produce per porvi rimedio con grandi figure come quella di Khol, salvo poi scoprire un'Europa schiacciata sotto il tallone di una grigia funzionaria di partito che inspiegabilmente vi è succeduta (Dio la mantenga e non voglia che sia a sua volta sostituita da un kapò socialista). Ed è un bel riflettere sul cinico raziocinio di un servitore dell'Italietta che campa sulle altrui disgrazie, quando non diventano proprie per errore nel salto sul carro del vincitore sbagliato. Purtroppo non siamo "prodotti" di quella grandezza, tuttalpiù rovine e macerie. Ai resti dell'Europa non resta che l'ingiustificata speranza che la pietra scartata possa miracolosamente divenire pietra d'angolo.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    19 Giugno 2017 - 08:08

    Che dire? Grazie mille, caro Giuliano. Uomini di stato così purtroppo oggi ce li sogniamo, e ne paghiamo tutte le conseguenze. Alle tue meravogliose considerazioni posso solo aggiungere l'emozione un po' infantile che provai a metà degli anni ottanta nel posare al museo delle cere di Londra accanto alle perfette statue di Kohl, Mitterand e Craxi immortalati uno accanto all'altro. Il muro di Berlino non era ancora caduto, ma la direzione del museo già onorava la nascita della nuova Europa. Ora siamo alla Brexit ed ai concerti post stragi in nome di Allah.

    Report

    Rispondi

  • margherita.baselli

    18 Giugno 2017 - 22:10

    a chi possiamo paragonarlocome persona e come uomo politico?forse churchill,forse giolitti,gorbaciov(?) .moltobello l articolo di crippa,ieri.giovanni b

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi