Devi prendere appunti quando parli con Trump

Per non essere indagato il presidente americano ha aggravato le indagini

Devi prendere appunti quando parli con Trump

James Comey (foto LaPresse)

Roma. Gli incontri tesi tra il presidente americano, Donald Trump, e il direttore dell’Fbi, James Comey – che poi è stato licenziato dal presidente – si giocavano su una grande questione: “Sono sotto indagine?”, chiedeva Trump a Comey. Grazie a uno scoop del Washington Post, che è la punta di lancia dei giornali americani nella copertura di quello che succede alla Casa Bianca (e prima lo è stato durante la campagna elettorale), sappiamo che sì, Trump è sotto indagine. E lo è proprio per avere licenziato Comey e quindi per avere potenzialmente alterato il corso delle indagini che lo riguardano. Il procuratore speciale che guida le indagini sulle interferenze della Russia nelle elezioni del 2016, Robert Mueller, questa settimana ha convocato alcuni testimoni molto importanti per parlare del presidente e per capire se può essere accusato di “obstruction of justice”, ostruzione della giustizia, che è un reato che può portare all’impeachment. Secondo le cinque fonti a conoscenza dei fatti sentite dal Washington Post, i testimoni che sono stati interrogati – o stanno per essere interrogati – sono Daniel Coats, capo dell’intelligence nazionale, Mike Rogers, direttore della Nsa, l’agenzia per la Sicurezza nazionale che si occupa delle intercettazioni, e Richard Ledgett, che ha lavorato come vice direttore alla Nsa. E’ probabile che Ledgett sarà ascoltato perché quando era in servizio prese appunti durante una telefonata fatta da Trump al suo capo, Rogers, per convincerlo a dire in pubblico che non ci sono prove di collusioni tra emissari russi e uomini della campagna elettorale di Trump. Rogers rifiutò ed è interessante notare che anche in questo caso i vertici di un’agenzia governativa prendevano appunti durante o dopo le conversazioni con il presidente, per mettersi al riparo in caso di guai futuri.

 

E pensare che una settimana fa Trump aveva accolto la deposizione di Comey davanti al Senato con un trionfale sospiro di sollievo, perché Comey – pur descrivendo le pressioni del presidente e – chiariva che non c’era un’indagine in corso sul presidente. Punto centrale nella vicenda: la commissione d’inchiesta guidata da Mueller indaga non soltanto sui crimini commessi durante la campagna ma anche su quelli commessi adesso, durante le indagini, quindi anche sugli eventuali tentativi di ostacolarle – che poi è lo stesso meccanismo che troncò la presidenza di Nixon.

 

Le fonti del Washington Post non specificano se ci sono altri testimoni ma dicono che le indagini si sono anche concentrate sui conti dei collaboratori di Trump, perché – è il ragionamento seguito dal pool di Mueller, che è anche lui un ex direttore dell’Fbi – se il Cremlino ha ottenuto collaborazione allora può essere che ci siano stati scambi di denaro e che abbiano tentato di coprire le tracce di eventuali pagamenti ricevuti.

   

 

Trump ha reagito con un paio di tweet, il primo giocato sul registro sarcastico – si sono inventati un finto coinvolgimento in questa storia, bene – e il secondo con un’esagerazione: è la più grande caccia alle streghe della storia americana. La Casa Bianca delega tutte le risposte ufficiali sulle indagini all’avvocato personale di Trump, Marc Kasowitz, e il portavoce dell’avvocato ha detto che “la fuga di notizie da parte dell’Fbi a riguardo del presidente è oltraggiosa, inescusabile e illegale”.

Il presidente russo, Vladimir Putin, con squisito senso dell’umorismo ha offerto asilo politico a James Comey, direttore dell’Fbi licenziato da Trump.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Giugno 2017 - 15:03

    Speriamo che il WP trovi la pistola fumante e non leaks circostanziati verificabili dimostrabili ( che tanto piacciono a Ferrara che definisce solide parti di un procedimento che porta ad una accusa che di più non può pretendere come materiale probatorio e che accerta ante la verità-ta-tà , quasi a rendere inutile il processo ) ma inutili e così si riesca a cacciare Trump e smettere con questo penoso infinito e dozzinale requiem , perchè a Londra un grattacielo è andato in fiamme , si muore in andamento lineare continuo nei paesi del medio oriente , a Roma c'è Raggi ( non sarebbe meglio un bel biondone americano) ,in politica c'è un nulla ben rappresentato dal dignitoso Cav da un macchietta chiacchierona televisiva padana ( che mai arriverà agli alti gradi di governo) e alla sinistra da il solito ambaradam con tanti galli chiacchieroni ma atarassati di cervello che si spompano a far chicchirichì fuori orario e che dovrebbero finire dignitosamente allo spiedo. Oremus

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    15 Giugno 2017 - 23:11

    Per l'impeachment non è necessario aver commesso reati, né essere incriminati. Si tratta di una decisione politica. E' virtualmente impossibile che prima delle elezioni di medio termine si vada oltre le rivelazioni e le campagne di stampa. Ma le elezioni potrebbero segnare la svolta. Se i democratici conquistassero la maggioranza alla Camera dei rappresentanti, la procedura di impeachment partirebbe senz'altro: quel che è accaduto sinora sarebbe ritenuto più che sufficiente. Ma sarebbe molto difficile ottenere poi la richiesta maggioranza dei due terzi al Senato. Certo, se il risultato delle elezioni si rivelasse disastroso per i repubblicani, ed essi si convincessero che la causa del disastro sia la presenza di Trump alla Casa Bianca, la scusa per liberarsi di lui l'avrebbero pronta.

    Report

    Rispondi

Servizi