Secessionisti, catalani. Antidemocratici

Per Guardiola Madrid è “autoritaria”, Doha “aperta”. L’intervento di Podemos

Secessionisti, catalani. Antidemocratici

Pep Guardiola alla manifestazione per sostenere il referendum (foto LaPresse)

La Spagna è uno “stato autoritario”. Non l’ha detto, lunedì a Barcellona, un podemista arrabbiato o un indignado seduto sull’asfalto, ma Pep Guardiola, ex allenatore del Barcellona, oggi allenatore del Manchester City, uno degli uomini sportivi più titolati del decennio, ex giocatore della Nazionale spagnola – Nazionale per cui, all’apparenza, Guardiola si pente di aver giocato. Guardiola ha parlato domenica a un evento organizzato dai partiti indipendentisti catalani, che il prossimo 1° ottobre vorrebbero fare un referendum unilaterale per staccarsi dalla Spagna.

 

L’allenatore, catalano d’origine e da sempre vicino alla causa secessionista, ha presentato un “manifesto” indipendentista, ma si è lasciato trasportare: ha definito la Spagna autoritaria, ha detto che i catalani sono vittime di “persecuzione politica”, che Madrid ha un piano per “sequestrare” il diritto democratico al voto e per “distruggere” la sanità e la scuola catalane. Già è una follia tacciare di autoritario un paese che l’autoritarismo l’ha vissuto per davvero, e di recente, ma ancora di più lo è, come ha notato il quotidiano conservatore Abc, quando appena nel 2012, come ambasciatore per i prossimi Mondiali, lo stesso Guardiola definiva un paese “aperto” e quasi “occidentale” nientemeno che il Qatar, sulla cui patente democratica c’è molto da discutere. Il governo di Madrid dovrebbe prestare attenzione al modo in cui la questione dell’indipendentismo catalano rischia di trasformarsi in strumento di delegittimazione del processo democratico. Soltanto lunedì la corrente “Anticapitalista” di Podemos, i più estremi nell’estrema, ha annunciato che appoggerà il referendum per “accelerare il processo di disgregazione dello stato spagnolo” e “debilitare il regime del ’78” – il regime democratico, appunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Effraim

    16 Giugno 2017 - 09:09

    Grazie per dire le cose come stanno. Separatisti catalani dominano tutte ¡tutte! le leve del potere in Catalogna e ancora finta che vivere in uno stato autoritario. L'unica autoritaria sono i separatisti, costringendo i catalani castellanohablantes di educare i loro figli solo in lingua catalana, multare le imprese che non rotulen in catalano e insultare, sminuire e minacciare i dissidenti delle loro idee totalitarie rancidi. E la maggior parte di tutti e in particolare: separatisti dicono continuamente bugie! Il problema è che una parte dei catalani (non la maggior parte) è venuto a credere a quelle bugie. Il governo spagnolo, che ha una grande parte di responsabilità, perché i governi successivi hanno scelto di cedere ai nazionalisti in cambio dei loro voti al Congresso, dovrebbe agire in Catalogna, certamente, ma anche L'Europa ha bisogno di posizionarsi ancora più chiaramente contro questi movimenti nazionalisti radicali pericolosi. Tra l'altro, preparatevi a ricevere una raffica

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    12 Giugno 2017 - 23:11

    Ma chi l'ha detto che un grande allenatore di calcio debba essere preso in considerazione per le sue idee riguardanti cause che con il pallone hanno assai poco da spartire.

    Report

    Rispondi

Servizi