La vittoria di Pirro di May. Che ora rischia di perdere tutto

I conservatori non raggiungono la maggioranza assoluta. Il premier assicura: “Garantiremo stabilità”. Ma i suoi rivali, Boris Johnson in testa, sono già pronti a prendere il suo posto a Downing Street 

La vittoria di Pirro di May. Che ora rischia di perdere tutto

Theresa May (foto LaPresse)

Theresa May ha perso la sua scommessa. Ha convocato il paese alle urne, a sorpresa, per ottenere una maggioranza forte con cui cominciare tra dieci giorni le trattative sulla Brexit con Bruxelles. Lo ha fatto quando i sondaggi le davano un vantaggio abissale. Non solo non ha incrementato il numero dei deputati, ma rispetto alle precedenti consultazioni del 2015 ne ha persi. Una vittoria di Pirro con cui la leader tory perde ogni traccia di credibilità sopravvissuta ad una campagna elettorale prostrante. May voleva dimostrarsi “forte e stabile” come da mantra ripetuto alla nausea. È risultata agli occhi dell’elettorato debole, priva di carisma e di leadership. Non ha raggiunto la maggioranza assoluta che sperava e che le avrebbe permesso di creare un governo con libertà di azione. I conservatori hanno vinto 315 seggi (lo spoglio è ancora in corso), i laburisti 261, l’SNP 35 e i Libdem 12, con i partiti minori a spartirsi il resto.

 

Jeremy Corbyn si è mostrato sorridente. Quando venne eletto leader nel 2015 con un plebiscito degli iscritti e l’ostilità dei deputati, il suo indice di gradimento era esiguo. È riuscito a guadagnarsi la fiducia dell’elettorato con una campagna elettorale spettacolare, vecchio stampo, riempiendo le piazze. Sorridente nella sua fortezza di Islington, ha chiesto a May di dimettersi e ha detto che il voto è stata una dichiarazione di intenti contro l’austerità. Momentum, il gruppo di ultra-sinistra che lo ha appoggiato fin dalla corsa alla leadership, è stato determinante. Tutto il gotha del corbynismo, da John McDonnell, cancelliere ombra dello scacchiere, al vice Tom Watson, alla responsabile della difesa Emily Thornberry, è stato riconfermato dagli elettori. Corbyn è riuscito a rubare seggi ai tories, a dimostrarsi rassicurante in seguito agli attentati terroristici nonostante i temi securitari non fossero il suo forte e ha sfondato in Scozia ridimensionando l’SNP. I separatisti sono i grandi sconfitti dopo il successo epocale del 2015 e hanno perso nomi illustri come Alex Salmond, ex primo ministro a Edimburgo, e Angus Robertson, capogruppo a Westminster.

 

I nazionalisti scozzesi, come previsto, hanno ceduto numerosi seggi anche ai Conservatori, che sorridono solo sopra il vallo di Adriano grazie alla loro guida atipica, Ruth Davidson, working class, lesbica e riservista. In Irlanda del Nord gli unionisti del DUP se la sono cavata e potrebbero essere una stampella imprescindibile per una maggioranza tory molto risicata. I Libdem che hanno incentrato la propria campagna sull’europeismo hanno guadagnato qualche seggio, ma hanno perso Nick Clegg, già leader.

 

Il prossimo primo ministro non avrà alcuna “strong hand” con cui negoziare a Bruxelles, a meno di non tornare alle urne a giorni. May, che pure nella roccaforte di Maidenhead ha incrementato (di poco) i propri voti, ha dichiarato che “al paese in questo momento serve stabilità”. Che possa essere lei a garantirla è tutto da dimostrare, si prospetta una mattinata dai lunghi coltelli. Se non dovesse essere riconfermata a Downing Street sarebbe il primo ministro con il mandato più breve (solo 330 giorni) dal 1763, quando il conte di Bute governò per undici mesi. I suoi rivali sono pronti a subentrare, in particolare Boris Johnson, con cui scorre un odio che nemmeno i fratelli Gallagher. Durante il suo incarico da ministro degli esteri, May lo ha umiliato pubblicamente numerose volte e ora il leader di Vote Leave potrebbe gustare la sua vendetta. Se la sta godendo anche un altro membro del Bullingdon Club, George Osborne, ex cancelliere dello scacchiere con Cameron, defenestrato dalla May e che ora lancia invettive dalla direzione del London Evening Standard.

 

La retorica sulla Brexit e il conservatorismo compassionevole del premier uscente sono stati fagocitati dall’inadeguatezza di un manifesto raffazzonato, che ha necessitato di correzioni in corso d’opera. Il suo autore, Ben Gummer, ha perso il suo seggio di Ipswich, così come ha dovuto attendere il riconteggio Amber Rudd, ministro degli interni e pretoriana mandata al macello nel dibattito televisivo, che l’ha spuntata per soli 346 voti ad Hastings.

 

Al quartier generale dei conservatori c’è rabbia e si esige che salti qualche testa: quelle di Fiona Hill e Nick Timothy, i collaboratori più stretti di May, ma anche quella della stessa leader. Anna Soubry è stata la prima deputata dei tories a chiedere pubblicamente le sue dimissioni, ma come riferisce Laura Kuennsberg di BBC, tra i ministri girano messaggini con una vecchia citazione di William Hague, ex leader tory: “il partito conservatore è una monarchia assoluta regolata dal regicidio, situazione in cui siamo attualmente”.

 

Sebbene sia presto per fare analisi accurate, si possono fare alcune rilevazioni: innanzitutto la distribuzione geografica del voto è tornata quella classica, con i tories forti al sud e i laburisti che hanno mantenuto il controllo delle roccaforti del nord. Le novità sono una Londra sempre più rossa – forse uno strascico del referendum sull’UE – e una Scozia che è terreno di conquista. Sembrerebbe essere tornato anche un bipolarismo muscolare, con destra e sinistra a giocarsi la partita, senza grandi intromissioni dai partiti minori. Determinante parrebbe anche il “voto dei giovani”. Come sottolinea Will Straw, fondatore del blog socialista “Left foot forward”, i laburisti hanno strappato ai conservatori tre circoscrizioni nella top 20 per il numero di giovani: Canterbury (tory dal 1879), Portsmouth South e Plymouth. Corbyn può esultare, perché ha fatto crescere il Labour sfiorando un’impresa impossibile, ma non ha vinto. Possono sorridere in pochi all’albore di questa notte elettorale. Dall’altra parte della manica echeggiano fragorose risate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    09 Giugno 2017 - 20:08

    Una cosa mi ha colpito di Corbyn, alcuni giorni fa: che abbia chiesto a T. May di dimettersi. A due giorni dalle elezioni e dal momento in cui la popolazione può esprimersi sulla premier! Cioè la May indice le elezioni, giunge a due giorni dal voto (vi sono intanto stati due attacchi terroristici) e dovrebbe dire grazie Corbyn di questa idea che a me non era venuta - cioè che io non aspetti il responso delle urne - vai avanti tu che sei cosí rassicurante sul terrorismo .... (che ne dici, Gordon Brown?). Un po' come nel caso di quelle cittadine manifestanti a NY dopo l'elezione di Trump, che facilmente replicava: 'ma non siete andate a votare?'. Si dice che la May sia stata avventata a indire le elezioni, ma in realtà sembrò a tutti una mossa molto furba; i conservatori avevano il vento in poppa; che ne poteva sapere, lei, di tanti connazionali poi rassicurati dal sorriso di Corbyn, e soprattuto, di tanti elettori svegliatisi un giorno improvvisamente statalisti!

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    09 Giugno 2017 - 15:03

    Visto che parliamo di G.B. mi consenta il mr.Basil: "sorridere in pochi" ? Non avevo mai sorriso così tanto vedendo la miserabile accozzaglia parlamentare degna dell'avanspettacolo di una volta all'Ambra Jovinelli di Roma; provi a dire quante spanne la mrs May sopravanza i nostri comici e attori e in special modo i "magnifici quattro" detti anche I quattro del Bagno Maria. Quanto al sovranista Macron (vedi gli ostacoli e l'aggiustamento verso la Fincantieri) e tale fino a quando non abolirà il preambolo della Costituzione francese: per ora sovranista-populista di fatto e in pricipio costituzionale e io rido ogni volta che Macron parla di Europa.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Giugno 2017 - 15:03

    95% degli stranger che hanno diritto di voto in England sono tutti poveri comunisti non vetero ma di risulta. Questo racconta la ricerca demoscopica e questo riferisce il voto di Londra. Ai tempi di Margaret a Londra sentivo comizianti che con il volto tirato a sofferenza " La Thachter sta distruggendo la economia inglese " . Quelli che stanno abboccando a Corbyn sono i loro figli con l'addendum dei foresti tutti devotamente di sinistra e così i principi nobili del liberalismo su cui si fonda la costituzione non scritta inglese (poi sparsi nel mondo) stanno subendo colpi tremendi sotto l'attacco non del comunismo storico ma a quello di risulta ( Marx non ci ha preso ma aveva ragione e così migliaia di articoli e libri) da predicatori come Corbyn ( in America Sanders ) e in Italia i pupazzi fuoriusciti dal Pd e sinistra radicale. Il sindaco di Londra islamico ha nel cuore non l' Union Jack ma la bandiera del Daesh , per Corbyn la bandiera del cuore è rossa

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Giugno 2017 - 13:01

    Certo Corbyn nonostante la rincorsa non ce l'ha fatta . La May non ha vinto e gli inglesi multi etnici e non sono riusciti a portare Corbyn a Downing street. Con lui l'Inghilterra avrebbe fatto sfracelli .Ma Corbyn non è tutto inglese e come il sindaco islamico di Londra non ha la Union Jack nel cuore come ha invece la May . Vecchio arnese della politica ha detto una dei più esperti giornalisti Italiani . Già perchè dopo Margaret e Tony e prima della May glia altri aspiranti premier ,tutti giganti. Già a guardarli al microscopio. Auguri Theresa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi