L’ossessione climatica contro Trump

Il presidente americano non è la guida del mondo libero, ma l’accordo di Parigi non c’entra. L’iperbole collettiva

L’ossessione climatica contro Trump

Foto LaPresse

New York. Emmanuel Macron ha offerto asilo agli scienziati americani oppressi dalla dittatura antiscientifica di Donald Trump, il cardinale Marcelo Sánchez Sorondo ha parlato di un “disastro per l’umanità e per il pianeta”, Leonardo DiCaprio ha detto che il presidente “mette a repentaglio la vivibilità della terra”, mentre Tom Steyer, il più importante finanziatore americano delle cause ambientali, ha definito la decisione di uscire dall’accordo di Parigi “un proditorio atto di guerra contro il popolo americano”. Ha detto proprio così: un atto di guerra contro il popolo americano. Il commentatore Fareed Zakaria, noto maestro delle conclusioni tirate in fretta, ha sentenziato: “Trump ha abdicato dal ruolo di leader del mondo libero”. Non è facile restituire fedelmente la vastità, la ricchezza e la profondità delle critiche che sono arrivate al presidente americano da tutti i paesi del mondo, tranne Siria e Nicaragua, per la decisione annunciata mercoledì. Il comune denominatore è una certa tendenza iperbolica, apocalittica. Trump non è stato criticato per una posizione politica a proposito di un accordo sulla riduzione delle emissioni di anidride carbonica, è stato assalito come promotore di uno sterminio di massa per interposto cambiamento climatico, ridotto a nemico dell’umanità, dipinto come un’oscura forza antistorica che si oppone all’ordinato e ineluttabile svolgersi del Progresso.

Cosa cambia senza Trump nell'accordo di Parigi

Il giorno dopo le parole del presidente americano, in fondo, è tutto uguale a prima. Quello che non è stato fatto fin ora per il clima globale e quello che potrà fare l'America da ora in avanti, anche da sola. Parla il professore Alberto Clò

Molti degli osservatori più prudenti e realisti sulle questioni climatiche sono diventati attivisti pronti a incatenarsi da qualche parte per sostenere un accordo così flessibile da piacere contemporaneamente alle multinazionali del petrolio, a Greenpeace e al politburo di Pechino. Molto probabilmente aveva ragione il New York Times a suggerire al presidente la manovra tattica di non togliersi dall’accordo per poi negoziare condizioni migliori dall’interno, ma Steve Bannon ha le sue ragioni che la ragione non conosce (spesso nemmeno Trump le conosce). Ma da queste considerazioni all’operazione di collettiva reductio ad Hitlerum la strada è lunga. Trump non è il leader del mondo libero, ma questo non si è scoperto l’altro giorno. Al netto delle evidenti contraddizioni che Mike Pence va propalando, Trump è il primo presidente non eccezionalista nella recente storia americana, gli Stati Uniti per lui non sono né la “nazione indispensabile” né l’ultima speranza per l’umanità, tutta l’impostazione nazionalista dello sghembo discorso trumpiano tende a mettere in discussione l’idea stessa di un mondo libero guidato dalla fiaccola americana. Non è certo l’uscita dall’accordo di Parigi il discrimine. E invece, dopo anni di incessanti pressioni per formare correttamente l’opinione pubblica, la questione climatica si è trasformata da argomento di ordinario dibattito politico e culturale a linea rossa che separa il civile dal barbaro, il decoroso dall’inaccettabile, il razionale dal folle, il sano dal patologico. Anche all’interno della Casa Bianca si è vista la separazione.

Trump dice addio a Parigi. Ma il clima c'entra veramente poco

Nell’uscita degli Stati Uniti dal Trattato c’è molta politica. Lo stato di salute del Pianeta è l’ultimo dei problemi che i leader mondiali si pongono 

Quando Trump ha detto al mondo che è stato eletto per rappresentare i cittadini di Pittsburgh e non quelli di Parigi, Ivanka era a casa a celebrare la festa di Shavuot. Suo marito, Jared Kushner, era nel suo ufficio per un incontro programmato prima che il presidente mettesse in agenda la dichiarazione al giardino delle rose. Quella minoranza della cerchia trumpiana che ancora crede di potersi guadagnare un posto dalla parte giusta della storia non si è fatta vedere nell’assolato pomeriggio di Washington, dove i dominatori della scena erano Bannon e i suoi. Il giorno dopo, Ivanka ha compensato la causa liberal persa abbracciando con enfasi la comunità lgbt che celebra il mese dell’orgoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    03 Giugno 2017 - 12:12

    Dai tempi della caverna l'essere umano ha sempre avuto bisogno di avere fede ,credere,in qualcosa aldilà della materialità . A volte è sentire quieto devoto intimo altre è sfrenata ossessione , atto di fede assoluto. Nell'ultimo secolo se ne è avuta esperienza con i fedeli delle ideologie in volontario martirio o ferocia sanguinaria contro i diversi credenti. Oggi c'è una sorta di fideismo diffuso e ottuso che è altrettanto ossessivo che si manifesta in molteplici avversioni in gamma infinita dalla carne a Trump . E' atto di fede credere nel riscaldamento globale per il quale pro e contro non possono mettere sul tavolo la prova certa scientifica .Cosi per molte altre assurde credenze tutte in qualche misura psicotiche . Ma le piazze che si riempiono di ingenui con cartelli sono frutto di scienziati improbabili e tutta la schiera di pensatori in ogni ordine rango ruolo che hanno il cervello programmato per avere fama onori e soldi e la bocca a ciabatta per procurarseli .

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    03 Giugno 2017 - 09:09

    La delirante vasta bolgia di rimbecilliti al seguito dei vari DiCaprio è la stessa che per anni, e anni, lamentava l'offensiva pretesa dell'America a essere leader morale del mondo. Per questa genía l'America era un Impero che doveva cominciare a lasciare il mondo in pace (per loro letteralmente). Altro che leadership morale, per questi "signori" del vuoto mentale l'America, moralmente parlando, aveva solo da imparare: a rispettare la moralità altrui, in primis quella europea, ma poi anche quella bizantina, per non parlare di quella islamica tra tutte le altre da ammirare addirittura, pena il ricovero in manicomio per fobia. All'improvviso questi disprezzatori dei valori morali americani, cambiano sesso, e cominciano a invocare quel che prima detestavano. TRUMP avrá i suoi difetti: Presidente, non Dio è! Ma l'operazione di smascheramento dell' ipocrisia gli sta riuscendo benissimo. E gli americani non rincoglioniti sono felici di averlo eletto.

    Report

    Rispondi

Servizi