Sondaggi choc, dibattiti evitati, che accade alla campagna della May?

A Londra il Labour rimonta (e si fa vedere in tv), i Tory entrano in modalità panico. Un esperto di dati ci spiega a cosa badare

Sondaggi choc, dibattiti evitati, che accade alla campagna della May?

Jeremy Corbyn (foto LaPresse)

Milano. Jeremy Corbyn, leader del Labour inglese, sente che è cambiata l’aria, che quel che un mese fa era improbabile ora diventa plausibile: il voto dell’8 giugno non è sinonimo di annientamento. Così Corbyn fa l’impensabile e si presenta al dibattito tv della Bbc cui aveva detto no, mai ci andrò, e, non pago, dice alla sua rivale nonché premier inglese Theresa May: vieni anche tu. La May, che dalle tornate televisive di questa settimana è uscita maluccio, si è così trovata nella posizione di dover dire di no, e di essere l’unica leader a non partecipare al dibattito elettorale con tutti i candidati – al suo posto ci sarà il ministro dell’Interno Amber Rudd. L’imbarazzo del premier non è sfuggito a nessuno e così ieri pareva, a leggere i commenti, che ormai May abbia perduto le elezioni, soprattutto se all’“imboscata” sul dibattito si aggiunge il sondaggio condotto da YouGov che sostiene l’indicibile, cioè che non soltanto il sogno di dominio dei Tory è infranto, ma che addirittura perderanno seggi, e avranno una maggioranza così risicata che ci sarà il “Parlamento bloccato”.


L'ultimo sondaggio condotto da YouGov


Piano, dice al Foglio Matt Singh, “prima bisogna guardare bene i dettagli del sondaggio, certamente è in controtendenza rispetto a tutte le altre rilevazioni”. Singh è diventato da qualche settimana analista elettorale per il Financial Times ed è famoso nel mondo del “data crunch” perché nel 2015 era l’unico a dire che i Tory avrebbero vinto e non ci sarebbe stato il pareggio che prevedevano tutti gli altri: aveva ragione insomma, e anche se l’immagine dei sondaggisti non si è comunque riabilitata, Singh oggi è molto seguito e probabilmente anche molto sotto pressione. Per questo non fa azzardi, studia i dettagli, ma spiega che buona parte della rimonta laburista è stata dettata “dai giovani e dalle persone che non hanno mai votato”, che sono quindi poco calcolabili, ma sono anche “meno affidabili, perché spesso parlano di intenzioni di voto, in realtà poi non si presentano a votare”.

Che succede alla campagna elettorale inglese dopo Manchester?

Un esperto dell'Economist ci spiega come la sicurezza entra nelle scelte di voto dei britannici. La May e il "security premier"

Il fatto però che questi inaffidabili-incalcolabili siano ora “cruciali” giustificano le grandi preoccupazioni dei conservatori, che sono entrati nella modalità “panico” e ai cartelli elettorali dove prima c’era soltanto il nome del premier stanno mettendo anche “Tory”: l’asset più forte, la May con la sua popolarità e la sua leadership rigida ma ordinata, sembra che non basti più, e che anzi sia diventato portatore di debolezza. “Cruciali saranno anche – dice Singh – i ‘marginal seat’ dei laburisti”, cioè quelle circoscrizioni in cui il Labour ha una maggioranza risicata e che, nella maggior parte dei casi, “hanno votato per la Brexit” al referendum: se questi passano con i conservatori, per la May è fatta. Soltanto che qualcosa è cambiato nella percezione del premier, e questo secondo Singh è l’elemento più preoccupante: “E’ danneggiata l’immagine di competenza della May”, che finora non aveva mai dovuto confrontarsi con Corbyn in modo diretto, cioè non c’era mai stata gara. Invece adesso vale tutto, anche il chiacchiericcio dei retroscenisti che non fanno che raccontare delle liti interne nello staff del premier, lasciando un messaggio chiaro: la May non sa tenere a bada i suoi, come farà con gli europei? E mentre ancora una volta si sale sull’altalena dei sondaggi che già in passato si è rivelata nauseante, mentre si prende atto che il trionfalismo è il vizio dei Tory (accadde così anche nel 2010: ci fu la coabitazione con i Lib-Dem), c’è chi assapora la sua vendetta, nemmeno troppo fredda: George Osborne, ex cancelliere dello Scacchiere defenestrato dalla May e ora direttore dell’Evening Standard, ogni giorno picchia durissimo sul premier e sulla campagna elettorale. Ieri immaginava le conversazioni al tavolo della colazione a Downing Street: “Tesoro, mi si è ristretto il vantaggio nei sondaggi”, e tra le righe si vedeva chiaro il suo inconfondibile ghigno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    01 Giugno 2017 - 18:06

    Gli inglesi pur inventori del primo parlamento al mondo con eccessi di presenze di frattaglie di vetero comunismo si sono fatti contaminare ed ora plaudo ad un mezzo delinquente travestito da socialista ma vecchio stalinista e razzista. Non c'è più religione.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    01 Giugno 2017 - 16:04

    Paola Peduzzi è magnifica giornalista ( era per il Remain e quindi Theresa non la regge) pero dovrebbe ricordare ai lettori italiani e a quelli inglesi che manco tanto in fondo Corbyn è un vero mascalzone,o no? Sennò mi riabilita i Grillo ed altri trucidi che si presentano in politica. Io proporrei un gemellaggio Lerner intervista Cobyn. Una bella trasmissione tivvù nella quale esaltare l'odio verso Israele e l'amore per Arafat e i suoi eredi. Robba fina.

    Report

    Rispondi

Servizi