Le tre possibili strategie di Trump per uscire dall'accordo di Parigi sul clima

Già iniziate le consultazioni con gli alti funzionari sul processo di uscita. L’abbandono dell’accordo è la mossa più forte che il presidente americano può intraprendere per allontanarsi dall'eredità di Obama

Le tre possibili strategie di Trump per uscire dall'accordo di Parigi sul clima

Donald Trump alla Casa Bianca per un incontro sul clima (foto LaPresse)

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe deciso di tirarsi fuori dall’accordo di Parigi sulla riduzione dei cambiamenti climatici, sottoscritto da Barack Obama durante la Cop 21 due anni fa e che dovrebbe entrare in vigore nel 2020. Secondo il sito d’informazione Axios, due fonti vicine all’Amministrazione Trump avrebbero dichiarato che il presidente ha già iniziato la consultazione con gli alti funzionari sul processo di uscita. Molti media americani stanno rilanciando la notizia, in particolare Abc e Cbs, che confermano le indiscrezioni con proprie fonti alla Casa Bianca. E su Twitter il presidente scrive: "Annuncerò la mia decisione sugli accordi di Parigi nei prossimi giorni, faremo l'America di nuovo grande".

Il nuovo clima di Trump

Gli Usa stoppano il G7 sull’energia: niente documento condiviso

Axios, il sito di Mike Allen – generalmente ben informato – avverte però che i dettagli verranno elaborati da una piccola squadra, tra cui il il numero uno dell'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) Scott Pruitt, che starebbe ancora decidendo in quale modo ritirare l’adesione. Trump potrebbe avviare un ritiro pieno e formale, che potrebbe richiedere 3 anni e che non si concluderebbe prima di novembre 2020. Secondo i termini dell'accordo, infatti, nessun Paese può inviare richiesta di recesso fino a tre anni dopo l'entrata in vigore dell'accordo, il 4 novembre 2016. Oppure Trump potrebbe dichiarare che quello di Parigi è in realtà un trattato legale che richiede l'approvazione del Senato. Con una votazione contraria, Trump avrebbe quindi il sostegno istituzionale per non rispettare l'accordo. Una lettera che 22 senatori repubblicani (tra cui il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell) hanno inviato al presidente questa settimana in cui lo esortano a ritirarsi dall'accordo, aumenta le probabilità di questa ipotesi. Trump potrebbe infine ritirare gli Stati Uniti dal trattato che sostiene l'accordo di Parigi, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Questa sarebbe l'opzione più estrema perché porterebbe gli Stati Uniti fuori da tutta la diplomazia globale sul clima.

Così Trump prova a cancellare le politiche ambientali di Obama

Oggi il presidente americano firmerà un ordine esecutivo all'Epa, l'Agenzia di protezione ambientale americana. Al centro della nuova politica, la creazione di posti di lavoro e l'indipendenza energetica nazionale  

L’abbandono dell’accordo sarebbe la mossa più forte che Trump può intraprendere per allontanarsi dall'eredità del suo predecessore, Barack Obama, che considerava i cambiamenti climatici come una priorità assoluta e l'accordo tra i suoi più grandi successi. Il rischio però è di minare anche le ambizioni della convenzione, che è stata firmata da altri 195 paesi. Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, martedì scorso in un intervento alla New York University, aveva dichiarato che è "assolutamente essenziale" attuare l’accordo di Parigi, prima che gli Stati Uniti abbandonino il patto. “Se un governo dubitasse della necessità dell’accordo, questa sarebbe la ragione per tutti gli altri governi di essere ancor più uniti e rimanere in corsa”, ha spiegato l’ex primo ministro portoghese.

Di rientro dal vertice G7 di Taormina, Trump aveva annunciato in un tweet che avrebbe deciso la prossima settimana se far uscire gli Stati Uniti dall'accordo. Lo stesso direttore della comunicazione strategica della Casa Bianca, Hope Hicks, ha risposto ad Axios: "Credo che il suo tweet sia chiaro e che deciderà questa settimana". Sul tema l’Amministrazione appare spaccata: lo chief strategist, Steve Bannon, è d'accordo a stracciare l’accordo mentre la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner, con cui Trump ha trascorso gli ultimi giorni nel suo primo viaggio internazionale, puntano a restare nell'intesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    31 Maggio 2017 - 20:08

    In giardino ho in melograno infestato da parassiti. Per tutto un mese ho cercato di disinfestarlo con insetticidi ecologigi (al piretro). Invano. Qualche giorno fa sono passato ad un insetticida chimico della Bayer: I risultati positivi si vedono già.

    Report

    Rispondi

  • gesmat

    31 Maggio 2017 - 19:07

    E l'italiota che fa? Sempre l'utile idiota? Eppure visto, che non corrono tempi di vacche grasse, sarebbe un occasione più unica che rara per risparmiare un bel pacco di euro, sottraendoli alle fameliche fauci degli ambientalisti.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    31 Maggio 2017 - 16:04

    Il riscaldamento globale c'è senz'altro perchè i dati lo confermano ma secondo me non è di natura antropica. Il clima di un pianeta non può essere influenzato dalle attività industriali dell'umanità e tutta questa storia mi è sempre apparsa più che altro come un escamotage per interessi economici ben precisi. Tuttavia sarei stato d'accordo per iniziative volte a mantenere più pulito il pianeta su cui viviamo. Faccio un esempio per tutti. Un mio amico che è nella marina mercantile ed è quasi sempre in giro per il mondo mi ha confermato come spesso le navi incrocino vere e proprie isole galleggianti formate da involucri e manufatti vari di plastica. Molte specie marine ne sono seriamente danneggiate.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    31 Maggio 2017 - 14:02

    Premesso che il Foglio ha sempre mosso seri dubbi su la scientificità del global warming , Trump fa bene a sganciarsi poichè la bufala è servita solo ad arricchire Al Gore trombato alla presidenza degli States e che gli ha fatto cuccare ,con decisone alcolizzata da parte della commissione ,il premo nobel per non so cosa.

    Report

    Rispondi

Servizi