En Marche! lascia Valls senza candidatura

Il movimento Emmanuel Macron fa sapere che l'ex premier, al momento, “non ha i requisiti” per essere inserito nelle liste per le politiche di giugno 

En Marche! lascia Valls senza candidatura

Manuel Valls ed Emmanuel Macron (foto LaPresse)

Manuel Valls? No grazie. Era stato l'ex premier francese ad annunciare, ieri, la sua intenzione di candidarsi nelle liste di La République En Marche!. Basta con il Partito Socialista “che sta morendo”. Il presente, e soprattutto il futuro, è Emmanuel Macron. Peccato che dopo nemmeno 24 ore dal movimento arrivi un cordiale “ritenti, sarà più fortunato”. Infatti secondo Jean-Paul Delevoye, l'uomo incaricato di stilare la lista dei candidati per le elezioni politiche del prossimo 11 giugno, al momento “Valls non soddisfa i criteri per essere candidato. E quindi la sua candidatura non può essere esaminata”.

“Avevamo già indicato un candidato per la circoscrizione dell'Essonne” ha spiegato Delavoye in un'intervista a Europe 1. Aggiungendo anche che alla vicenda può essere dato una “lettura politica”: “Il nostro movimento non ha la vocazione a reciclare i politici uscenti”. 

 

Nel frattempo il Partito Socialista ha avviato le procedure per l'espulsione di Valls.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Roberto Cattani

    10 Maggio 2017 - 15:03

    Quello ti fa il favore di portarti al governo, ti fa il favore di spaccare il Partito Socialista a tuo vantaggio, e tu cosa fai? Il grillino???

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    10 Maggio 2017 - 14:02

    Emmanuel Macron rifiuta Manuel Valls, il partito lo espelle. Più bianco non si può. Ora, una buona parte di quello che resta della base socialista potrà votare Macron alle legislative. Tutto normale.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    10 Maggio 2017 - 13:01

    Una piccola lezione a chi vuole salire sul carro del vincitore di turno!

    Report

    Rispondi

    • Giovanni

      10 Maggio 2017 - 13:01

      Una lezione coi fiocchi visto che anche il Partito Socialista da cui proveniva lo ha espulso.

      Report

      Rispondi

Servizi