L'adieu di Juncker a Londra: "Parlo in francese, l'inglese perderà importanza"

Il presidente della Commissione risponde alle accuse di Theresa May sulla Brexit: "E' il Regno Unito a volere lasciare l'Ue, non viceversa"

 

L'adieu di Juncker a Londra: "Parlo in francese, l'inglese perderà importanza"

Jean-Claude Juncker. Foto Bianchi/LaPresse

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, parlando alla conferenza sullo Stato dell'Unione al Palazzo Vecchio di Firenze, ha deciso di pronunciare il suo discorso in francese perché, ha detto, "poco a poco la lingua inglese sta perdendo importanza".

   

L'uscita di venerdì mattina arriva al termine di una settimana tesa tra l'Unione europea e il Regno Unito, dove il primo ministro Theresa May affronta una campagna elettorale che si basa sopratutto sul tipo di Brexit – "hard" o "soft" – che Londra negozierà con Bruxelles nei prossimi mesi. Dopo un incontro a cena con Juncker, che uscendo da Downing Street si era detto "più scettico che mai" sulla possibilità di trovare un accordo con il governo inglese, la May aveva attaccato "i burocrati di Bruxelles" che starebbero cercando di "influenzare" l'esito delle elezioni.

    

"E poi in Francia domenica si vota, per cui voglio che i francesi comprendano bene quanto dico sull'importanza dell'Unione europea", ha aggiunto Juncker. "La Brexit non è un evento da poco. Ovviamente negozieremo con i nostri amici britannici in piena trasparenza. Ma non dovrebbe esserci alcun dubbio sul fatto che non è l'Ue ad abbandonare il Regno Unito. E' esattamente il contrario. E' il Regno Unito che sta abbandonando l'Ue".

     

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha offerto il suo pieno supporto al negoziatore della Brexit per l'Ue, il francese Michel Barnier, e ha tentato di smussare i toni con Londra. "Non c'è alcuna volontà maligna nei loro confronti. Nessuno vuole interferire con le elezioni britanniche", ha detto Tajani, aggiungendo che l'unica cosa che vuole l'Ue è un governo stabile con cui poter negoziare. "Sarebbe negativo per tutti se non fossimo in grado di raggiungere un accordo", ha concluso Tajani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    09 Maggio 2017 - 19:07

    Si esprime sempre con garbo, eh.....? E poi, questo gran signore, chi l'ha eletto (who did elect him)?

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    05 Maggio 2017 - 20:08

    Auspico un ripensamento inglese ed un ritorno al voto. L'Inghilterrra ne sarebbe un punto molto importante. Chissà. Se qualcuno oltre manica lavori a questo.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    05 Maggio 2017 - 19:07

    sì, l'inglese sta perdendo importanza a favore del greco

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    05 Maggio 2017 - 16:04

    "L'Adieu" un nuovo cognac?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi