La sfida delle presidenziali francesi finisce in tribunale. Macron denuncia Le Pen

La procura di Parigi ha aperto un'indagine preliminare per le accuse rivolte al leader di En Marche! di avere un conto alle Bahamas. Intanto il tour elettorale di Le Pen continua tra lanci di uova e Macron riceve l'appoggio di Obama

Macron denuncia Le Pen per falso

Foto Pool/ABACA

Dopo il dibattito televisivo di ieri sera, il confronto tra i candidati all'Eliseo si è spostato sul piano legale. Emmanuel Macron ha depositato una denuncia per "falso" contro la sfidante Marine Le Pen, responsabile secondo il leader di En Marche! della "diffusione di notizie false destinate ad avere conseguenze sull'esito del voto". La denuncia fa seguito a quanto detto da Le Pen ieri sera durante il dibattito, lasciando intendere che Macron avesse un conto segreto depositato presso una società offshore nei Caraibi. La procura di Parigi ha aperto un'indagine preliminare. 

    

Quando negli ultimi minuti del confronto Macron ha accusato il Front National di essere il "partito degli affari", Marine Le Pen ha replicato glissando sull'argomento: "Spero non verremo a sapere che lei ha un conto offshore alle Bahamas". Come ha poi spiegato un comunicato dello staff di Macron, le insinuazioni di Le Pen prendono le mosse da documenti, circolati su forum stranieri e condivisi sui social network, che sarebbero “dei falsi evidenti”. "Sono quelle che noi chiamiamo 'fake news' – ha detto questa mattina Macron su France Inter – e la signora Le Pen le lancia, mentre dietro di lei le truppe di internet si mettono in azione".

    

La candidata del Front National ha riconosciuto questa mattina di "non avere prove" di quanto detto ieri. Durante un'intervista all'emittente radiofonica BFMTV/RMC Le Pen ha spiegato che si trattava di una domanda opportuna da porre: "Non dobbiamo sapere delle cose che lo riguardano prima che sia troppo tardi?". Nel corso della giornata, in visita presso l'azienda di trasporto Guisnel a Dol-de-Bretagne, Marine Le Pen è stata poi contestata con lanci di uova da un gruppo di manifestanti. Dol-de-Bretagne è una delle poche zone della Bretagna in cui il Front National ha raggiunto dei buoni risultati al primo turno delle presidenziali. 

    

    

Intanto il candidato europeista ha ricevuto l'endorsement dell'ex presidente degli Stati Uniti Barak Obama, che in un video ha detto: "Il successo della Francia è importante per il mondo intero. Ammiro la campagna condotta da Macron. Ha difeso i valori liberal, presentato una visione sull'importante ruolo che la Francia gioca in Europa e nel mondo e si è impegnato per un futuro migliore per milioni di francesi. Fa leva sulle speranze della gente, non sulle paure".

 

   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    04 Maggio 2017 - 17:05

    Se l'endorsement a Macron l'ha fatto Obama forse e' meglio che si scelgano veramente la Le Pen

    Report

    Rispondi

    • adebenedetti

      04 Maggio 2017 - 23:11

      Vista l`esperienza che ho avuto sulla mia pelle, essendo cittadino americano,di 8 anni di Presidenza Obama penso che Lei signor Marco abbia ragione. Quello che mi rende incerto e` un latente antisemitismo che ancora La Pern emana. Forse per Israele e` meglio una presidenza Le Pen che una Macron visto che e` un prodotto dell`attuale Establishment europeo che da anni si dimostra AntiIsraeliano e un vero pericolo per ISRAELE

      Report

      Rispondi

Servizi