Macron trionfa nel confronto con Le Pen e prova a convincere gli indecisi

Fallisce la tattica di Marine, alla ricerca dell'insulto e dell'attacco frontale. Scivoloni su euro e finanza. Per i sondaggi, il vantaggio del centrista è destinato ad aumentare

Macron trionfa nel confronto con Le Pen e convince gli indecisi

Marine Le Pen ed Emmanuel Macron (foto LaPresse)

Un dibattito violento tra candidati agli antipodi, quello che ieri sera ha visto uno di fronte all'altro i due sfidanti per l'Eliseo, Emmanuel Macron e Marine Le Pen. In ballo c'era il 18 per cento di quegli elettori che, stando ai sondaggi, è ancora indeciso. Secondo il sondaggio condotto dall'emittente BFMTV, ad aggiudicarsi i favori dei più titubanti è stato il candidato centrista, con il 63 per cento di consensi raccolti subito dopo il confronto. Il vantaggio di Macron, che era già largo, si rafforza ulteriormente in vista del voto di domenica e sempre secondo i dati di gradimento del pubblico potrà fare affidamento su un sostegno trasversale dell'elettorato. Il 58 per cento di coloro che al primo turno hanno votato per il candidato di sinistra Jean-Luc Mélenchon voterà per En Marche!; così come farà il 58 per cento di chi ha sostenuto il repubblicano François Fillon. 

 

Viaggio nella Francia delle campagne, tra indecisi e "ni-ni"

Macron trionfa nel confronto tv. Per i sondaggi la partita è chiusa, ma perché pochi archiviano la Le Pen? Le ansie della destra diventata “cuscinetto”

 

Le Pen ha tentato di "aggredire" il rivale, con toni a tratti insultanti per cercare apertamente l'attacco frontale. Così Macron è stato etichettato dalla candidata del Front National come "il candidato della globalizzazione". Se il leader di En Marche! vincesse, ha continuato Le Pen, la sua Francia sarebbe amministrata come in "una stanza di trading, dove ognuno si batte per i propri interessi". "Davanti a me siede la sacerdotessa della paura", ha risposto Macron. E in effetti gli attacchi di Le Pen sono più volte apparsi vani, mai in grado di centrare l'obiettivo e mai accompagnati da controproposte credibili. Macron non ha faticato troppo a smontare le teorie di Le Pen, in particolare quelle sulla finanza e sull'euro, troppo confuse. Due i punti su cui Le Pen è in parte riuscita a scalfire la serenità del rivale. Sulla disoccupazione – in Francia è al 10 per cento – il centrista ha ammesso che il governo non è riuscito ad affrontarla nel modo più efficace e Le Pen ha avuto gioco facile nel chiedere le ragioni di tale fallimento, considerando che il rivale ha guidato il ministero dell'Economia per anni. E poi sulla sicurezza e l'immigrazione, dove Macron è stato accusato ancora una volta di essere troppo morbido nei confronti della minaccia islamista. "Sicurezza e terrorismo sono due tra i temi principali e sono completamente assenti dal tuo programma", ha detto la leader del partito nazionalista. "Eradicare" l'islam – ha replicato Macron – con l'espulsione degli imam e la chiusura delle moschee farà solo il gioco dei terroristi e fomenterà il loro desiderio di una "guerra civile".

 

Ma è sull'euro e la finanza che la sovranista ha consumato la propria sconfitta: se da una parte ha ribadito la volontà di indire un referendum sulla moneta unica, dall'altra ha anche proposto di tornare alla valuta nazionale, dando però alle banche e alle imprese la possibilità di scegliere di usare anche l'euro. "Una cosa senza senso", ha ribattuto Macron. "Come può una grande impresa pagare in euro da una parte e allo stesso tempo in un'altra valuta per gli stipendi dei dipendenti?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    05 Maggio 2017 - 09:09

    Laikismo contro laikismo, nessuno dei due ha la visione culturale e l'elevatezza morale che sono il fondamento e le radici della CIVILTA'. Perciò nessuno dei due fermerà il declino demografico del popolo francese, in estinzione. Il LAIKISMO imperante nell'Occidente rinnegando Dio e l'Uomo trascendente nella propria concezione antropologica animalesca si è annullato, vuoto debole e già vinto di fronte al monolito teototalitarista islamico. Islam cresciuto non producendo bensì appropriandosi, razziando e spoliando gli altri colti a momento debole (come il cancro). Un Occidente ricco ma senza Fede né Ragione né buonsenso reale, affamato solo di droga e del petrolio musulmano, già vinto e svenduto, schiavo, come un tossico, del suo pusher. Come il Belgio di Baldovino, come gli USA dell'Arabia Saudita, come l'ONU ormai svenduto ai satrapi musulmani, che vi si sono insediati RIGETTANDO i Diritti Fondamentali dell'Uomo che ne costituirono la prima pietra! Vincerà la Civiltà. Quale?

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    04 Maggio 2017 - 14:02

    Macron Nobel per la Pace subito.

    Report

    Rispondi

  • Lou Canova

    04 Maggio 2017 - 11:11

    Populismo, protezionismo, autarchia...Altro che decrescita felice, la linea della destra sovranista europea, se attuata, porterebbe alla decrescita lampo ed al suicidio immediato. Noto, in linea con le assai pertinenti analisi del Foglio, che ormai tra la destra italiana e i 5 stelle c'è una identita persino lessicale..."l'Europa delle banche...", "l'Europa della finanza...", "si ma Soros..."

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    04 Maggio 2017 - 11:11

    Questa volta niente sorprese perché, a differenza gli statunitensi che non sono europei e degli inglesi che dall'Europa (si) sono staccati, i francesi sono ancora europei convinti dell'eutanasia e della decrescita felice.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi