Tra chiese, profughi e bombe. Viaggio a Mosul est dopo la liberazione dallo Stato islamico

Gran parte di Mosul ovest è ancora nelle mani del califfo, mentre nella parte est della città irachena, ex capitale dell'Isis, le forze dell'esercito iracheno, i peshmerga curdi e le milizie sciite hanno spazzato via i jihadisti. La vita sta lentamente tornando alla normalità, anche se sono ovunque i segni dei pesanti combattimenti: gli edifici distrutti, i cadaveri insepolti e gli ordigni inesplosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi