Un giusto segnale contro l'antisemitismo

L’Italia ha difeso Israele e la cultura all’Unesco (come aveva chiesto il Foglio), che ha approvato una nuova risoluzione che definisce “potenza occupante” Israele nella propria capitale, Gerusalemme

Un giusto segnale contro l'antisemitismo

Foto LaPresse

Fu la battaglia di un piccolo giornale, il nostro, nel chiedere al governo italiano di votare contro la successiva risoluzione del Palazzo dell’incoltura dell’Onu, l’Unesco, che a ottobre aveva cancellato de facto quattromila anni di storia ebraica a Gerusalemme. Ieri il governo italiano ha accolto quella richiesta e ha votato contro l’ennesima farsa che denigra la storia e il nome di Israele.

 

In coincidenza con il giorno in cui Israele celebra il 69esimo anniversario dell’indipendenza, l’Unesco ha approvato una nuova risoluzione che definisce “potenza occupante” Israele nella propria capitale, Gerusalemme, senza mai citare le radici ebraiche della città santa, santa alle tre religioni monoteistiche. L’Italia ha votato no alla risoluzione dell’Unesco su Gerusalemme, assieme agli Stati Uniti, all’Inghilterra e alla Germania. Il testo è passato con 22 voti a favore, 10 contrari, 23 astensioni. Vergognosa la decisione francese di astenersi, quando se anche Parigi avesse scelto di opporsi si sarebbe ancora di più rafforzato il fronte europeo.

 

Una precedente risoluzione, ancora più negativa nei confronti di Israele, era stata approvata dall’Unesco lo scorso ottobre. In quel caso l’Italia si era astenuta. E in quel caso, il Foglio convocò una piccola ma importante manifestazione sotto la sede dell’Unesco a Roma, parlando di “Shoah culturale”. Due giorni fa, la diplomazia israeliana ha definito “fake history” la risoluzione dell’Unesco.

 

Saluta la decisione italiana anche la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, che esprime gratitudine al premier Paolo Gentiloni e al ministro degli Esteri Angelino Alfano “per aver fatto sentire la propria voce a difesa dei valori assoluti che l’Europa intera è chiamata a riconoscere”. Ma questa battaglia non può restare confinata ai governi. Nel 1974, quando l’Unesco boicottò Israele, protestarono in tanti: Argan, Jemolo, Silone, Dorfles, Foa, Gassman, Montale, Montanelli, Sciascia, Soldati e Strehler. E all’estero Aron, Dürrenmatt, Ionesco, Graham Greene, Joan Miro e Leonard Bernstein. Oggi dove sono gli intellettuali, gli storici, le persone di fede, gli studiosi di arte? Gli ultimi due anni di cronache dal medio oriente ci hanno mostrato immagini di scempi alle chiese cristiane di Mosul, ai templi assiri di Nimrud, agli anfiteatri Romani di Palmira da parte degli inquisitori dello Stato Islamico. Queste risoluzioni Unesco, seppur meno agghiaccianti nei danni fisici, non sono meno gravi sul piano morale e politico. Vandali di carta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    03 Maggio 2017 - 01:01

    Io non condivido quasi 80% di quello che viene scritto sul Foglio. Mi sono abbonato perche` il Foglio e` l`unico giornale che difende Israele e gli Ebrei e per poter leggere gli articoli del signor Meotti,del signor Marcenaro e del signor Langone.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    02 Maggio 2017 - 19:07

    E' un dovere assoluto difendere gli ebrei e Israele e Il Foglio è in prima linea per questo.Ma ahiloro gli ebrei sono da sempre odiati e nessuna battaglia li renderà meno odiosi. Il Foglio da tempo pubblica moltissimi articoli nei quali denuncia comportamenti delinquenziali di associazioni Ong università giornali centri culturali ,commerce and trade che si accaniscono a non vendere e imporre di non vendere prodotti israeliani. Che ci sia lo zampino degli onnipotenti emirati ? Certo che sì. Entrando con i loro capitali aziende ,giornali, università, in moltissime associazioni sportive sportive e influenzando anche governi con l'esca del'importazione mai gli ebrei e Israele saranno liberi .Ho avuto ragazze e amici ebrei ,splendidi. Ferrara riempi Piazza del Popolo di bandiere di Israele e il grido unisono fu " I am Israeli ". Io c'ero.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    02 Maggio 2017 - 18:06

    Per fortuna che non c'è ancora una trattativa con il Qatar per Alitalia.... Faccio inoltre sommessamente notare che si è astenuta la Francia con la Spagna. Non mi risulta che ci siano populisti al potere in quei due Paesi ma due solidi "europeisti".

    Report

    Rispondi

Servizi