Incontrare Kim? Per ora Trump manda gli aerei supersonici nel Pacifico

Dopo avere detto di essere pronto a vedere il leader nordcoreano per allentare la tensione, due aerei supersonici compiono un'esercitazione nel Pacifico. Pyongyang: "Si va verso la guerra nucleare"

Incontrare Kim? Per ora Trump manda gli aerei supersonici nel Pacifico

Un Lancer B-1B

La Corea del nord ha accusato gli Stati Uniti di volere portare la penisola sull'orlo di una guerra nucleare dopo che due bombardieri americani hanno compiuto un'esercitazione aerea congiunta con Corea del sud e Giappone. I due Lancer supersonici B-1B sono stati dislocati nella regione dopo che il regime di Pyongyang ha violato più volte le sanzioni delle Nazioni Unite che vietano il lancio di testate nucleari.

 

Prima dell'esercitazione congiunta con gli alleati asiatici, gli Stati Uniti avevano inviato un messaggio distensivo alla Corea del nord, per bocca dello stesso presidente Donald Trump, che si era detto disposto a incontrare e il leader Kim Jong-un nel caso si fossero state le giuste circostanze. "Ovviamente non esistono al momento le condizioni per un simile incontro", ha specificato poco dopo il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer, "e non credo che [questo incontro, ndr] avrà luogo in breve tempo".

 

Poco dopo le parole di Trump, il portavoce del ministero della Difesa di Seul, Moon Sang-gyun, ha annunciato l'esercitazione aerea con lo scopo di deterrenza contro altri test missilistici di Pyongyang. L'esercitazione è stata condotta nei pressi del territorio di Guam, un territorio non incorporato degli Stati Uniti che si trova nell'arcipelago delle Marianne, Pacifico occidentale. Secondo le autorità nordcoreane, gli aerei hanno condotto diversi test per simulare il lancio di testate nucleari, proprio mentre Trump e "altri guerrafondai gridano di volere compiere un attacco nucleare preventivo in Corea del nord". "L'avventata provocazione militare la spingendo la situazione vicino alla guerra nucleare", ha detto oggi l'agenzia di stampa del regime, Kcna.

 

Intanto a Pechino, che continua a cercare una soluzione diplomatica con il regime di Kim Jong-un, il magazine governativo Global Times scrive che la Cina non può essere la sola a fare pressioni affinché la Corea del nord abbandoni il suo piano nucleare. "Washington deve continuare a compiere ogni sforzo sul tema", scrive il periodico cinese, riferendosi ai tentativi americani di aumentare la tensione nella regione. Ma la Corea del sud continua a chiedere agli Stati Uniti e al Giappone di aumentare i propri sforzi contro altre minacce provenienti da Pyongyang. "Occorre rafforzare le forze militari e mettere pressione alla Corea del nord", ha detto il premier Hwang Kyo-ahn in una riunione del governo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi