Com'è che molti fan finta di non vedere il lepenismo quando parlano di Marine?

Riposizionamenti tattici per il secondo turno francese

Com'è che molti fan finta di non vedere il lepenismo quando parlano di Marine?

Foto LaPresse/Reuters

Milano. Nel 2002, quando Jean-Marie Le Pen si qualificò a sorpresa – sempre per colpa del crollo della sinistra – al ballottaggio, si rifiutò di lasciare la guida del Front national. Qualcuno glielo propose, perché l’unica chance per battere Jacques Chirac era quella di uscire dal mondo frontista e provare a sondare altri elettorati, ma Le Pen padre non accolse la richiesta, anzi protestò contro chi insinuava che la via per la vittoria passasse attraverso la negazione della propria identità...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    01 Maggio 2017 - 10:10

    Si, ma la Francia tutta odia Israele: sia il lepenismo se dell'antisemitismo fa apologia, sia l'attuale laikismo delle animebelle al potere così ferocemente mobilitato a demonizzare, umiliare e boicottare Israele inneggiando al terrorismo palestinese, al punto d'aver costretto ormai tutti gli ebrei ad abbandonare la Francia. Perciò questa Francia, rinnegata la Civiltà Cristiana, sarà portata al suicidio dal suo laikismo col suo prossimo Presidente - l'ultimo - che sarà o una nostalgica nazista col pen o un fighettì tutto brigida-brigida.

    Report

    Rispondi

Servizi