Principi reaganiani e un volto democratico per la riforma fiscale di Trump

Gary Cohn è il consigliere di sinistra dietro alla manovra applaudita dai liberisti. I dubbi sulle coperture

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

Principi reaganiani e un volto democratico per la riforma fiscale di Trump

Donald Trump (foto LaPresse)

New York. E’ curioso che l’audace piano fiscale di Donald Trump, un insieme di tagli che secondo l’economista reaganiano Martin Feldstein “stimolerà gli investimenti delle imprese, sosterrà la produttività e farà crescere i salari”, sia stato concepito e benedetto da un consigliere registrato nelle liste del Partito democratico. Gary Cohn, direttore del National Economic Council, è la mente e il volto di una proposta che riduce le tasse individuali per tutti, ricchi compresi, porta la corporate rate dal 35 al...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi