La visita di Gentiloni da Trump è stata normale. Non è poco

Analisi di un processo di normalizzazione, dalla risposta ambigua sul “nessun ruolo in Libia” alle cene informali

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

La visita di Gentiloni da Trump è stata normale. Non è poco

Donald Trump e Paolo Gentiloni (foto LaPresse)

New York. La visita del premier Paolo Gentiloni alla Casa Bianca è stata alternativamente descritta come il sigillo di una perfetta intesa fra solidi alleati e il punto più basso della relazione transatlantica. E’ stato un trionfo italo-americano oppure un disastro condito da luoghi comuni di protocollo e da una goffa battuta sull’amicizia fra Trump e Pavarotti? La verità – e forse anche la virtù – sta nel mezzo. Secondo quanto ricostruito dal Foglio, è stato un incontro normale, il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi