Piccoli indizi elettorali nelle parole dei candidati dopo l'attentato

I commentatori si interrogano sull'effetto dell'attacco degli Champs Élysées può avere sul risultato. Ma si vota domani, non c’è modo di capire come e se si reagisce allo choc

Piccoli indizi elettorali nelle parole dei candidati dopo l'attentato

foto LaPresse

Milano. La campagna elettorale francese ha subìto una battuta d’arresto, l’organizzazione degli ultimi comizi è stata modificata, le misure di sicurezza sono state ampliate in vista dell’apertura delle urne per il primo turno delle presidenziali, domani, e le autorità che hanno lanciato un’inchiesta antiterrorismo ripetono che “l’allerta è alta”. La Francia è in stato d’emergenza da due anni, la paura di un possibile attacco terroristico è diventata parte della quotidianità, anche se è difficile ammettere e gestire questa specie di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    22 Aprile 2017 - 18:06

    Signora Paula forse sara` la sua giovane eta`, forse sara` la mia non giovane eta` ma l`attentato di Parigi mi ricorda quelli dei Barbouzes di Sanguinetti ai tempi del Generale De Gaulle nella guerra tra l`OAS il potere che rispondeva con i Baurbouzes anche con attentati. La strategia della tensione ha sempre premiato il potere quindi Emmanuel Macron e` quello che sara` beneficato.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    22 Aprile 2017 - 17:05

    Capisco la frenesia dei tempi, capisco le esigenze dell'informazione, capisco la bulimia delle masse, ma attendere, senza girigogoli mentali 30 ore per "sapere" com'è andata, è compito così arduo?

    Report

    Rispondi

Servizi