Quello che si sa dell'attacco sugli Champs-Élysées

Ieri sera un uomo con precedenti penali ha sparato a una pattuglia della polizia a Parigi. L'Isis ha rivendicato l'attentato. Un poliziotto è morto, due sono rimasti feriti. L'assalitore è stato ucciso mentre cercava di scappare. Si cerca un presunto complice - le FOTO e il VIDEO

Quello che si sa dell'attacco sugli Champs-Élysées

Foto LaPresse

I fatti - Un uomo giovedì sera alle nove è sceso da una macchina in prossimità dei grandi magazzini britannici Marks & Spencer sugli Champs-Élysées nel centro di Parigi e, kalashnikov in mano, ha sparato a una pattuglia di poliziotti. Uno è morto, due sono rimasti gravemente feriti. Nella sparatoria è stata ferita lievemente una turista straniera. Il terrorista è stato ucciso dalla polizia mentre cercava di darsi alla fuga. Secondo Reuters si tratta di Karim Cheurfi, un trentanovenne francese già noto alle forze dell'ordine. Da venerdì mattina tre parenti dell'attentatore sono trattenuti dalla polizia. 

 

La zona è stata prontamente chiusa e l'antiterrorismo ha subito preso il comando delle indagini. L'Isis ha rivendicato qualche ora dopo l'attentato. La procura antiterrorismo ha emesso un ordine d'arresto nei confronti di una persona legata al killer ucciso, come ha confermato venerdì il portavoce del ministero dell'Interno Pierre Henry Brandet. Non è ancora chiaro se e come l'uomo ricercato sia collegato con quanto accaduto sugli Champs-Élysées, ma ci sono alcuni elementi da controllare, ha detto Brandet. 

Cosa si sa dell'identità dell'attentatore - L'attentatore sarebbe Karim Cheurfi, un cittadino francese che viveva con la madre nel sobborgo di Chelles, già condannato per attacchi armati contro le forze dell'ordine avvenuti 16 anni fa. Nel 2001 è stato arrestato per aver sparato a due ufficiali che lo avevano trovato con un'auto rubata ed è rimasto dieci anni in carcere. Durante la detenzione Cheurfi ha sparato e ferito un poliziotto, dopo avergli rubato la pistola. Era stato arrestato nuovamente lo scorso febbraio per aver tentato di uccidere un altro poliziotto, ma è stato poi rilasciato per mancanza di prove. Nell'auto utilizzata per arrivare sugli Champs-Élysées sono stati ritrovati i suoi documenti, un altro fucile e alcuni coltelli. 

 

Lo Stato islamico nella rivendicazione ha attributo la paternità dell'attacco a un suo combattente dal nome di battaglia Abu Yusuf al-Beljiki, il belga. In un primo momento i media francesi avevano parlato di Youssef El Osri, un delinquente noto ai servizi segreti per la sua radicalizzazione, che su Telegram avrebbe dichiarato di "voler uccidere polizotti". Reuters scrive di aver visto un documento secondo cui El Osri sarebbe il secondo sospettato che la polizia sta cercando. Resta ancora da definire il collegamento tra El Osri, Cheurfi e l'uomo indicato nel comunicato dell'Isis. "Non capiamo perché l'Isis ha identificato la persona sbagliata – ha detto una fonte della polizia a Reuters – Quello che sembra evidente è che l'Isis stava organizzando qualcosa". 

 

Reazioni e smentite - Nelle prime ore dopo l'attentato i media e le agenzie di stampa parlavano di un secondo agente deceduto, di altre sparatorie nei pressi degli Champs-Élysées, di complici in fuga e di massicce operazioni di polizia ad est della capitale. Notizie tutte smentite dal portavoce del ministero dell'Interno Pierre Henry Brandet. Al termine della riunione straordinaria all'Eliseo, con il premier Bernarde Cazeneuve, il ministro dell'Interno Matthias Kekl e il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, ha parlato anche François Hollande esprimendo vicinanza alle forze dell'ordine e indicando che la pista più probabile è quella del terrorismo. Nella mattina di lunedì si è riunito all'Eliseo un Consiglio di difesa, convocato da Hollande dopo la sparatoria. I principali candidati alle presidenziali francesi hanno annunciato di aver annullato i loro impegni elettorali, a due giorni dal primo turno di voto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    21 Aprile 2017 - 16:04

    Facciamoci 4 risate. Dopi i primi attacchi terroristici in Europa capi di stato e di governo petto in fuori " Non ci faremo intimidire ". marce ,fiori, tutti a cantare Imagine e non il Requiem 625 ecc. ( se sbaglio perdono ) di Mozart o qualche altro quello di Verdi . Dopo il quarto attentato e centinaia di morti i vip confermarono 'non ci intimideranno' ma pensavano ,tutti, ci dovremo abituare . Infatti dopo i morti di ieri a Parigi nessuna marcia ( fiori vedremo ) e nessuno a cantare Imagine.Tutti al ristornate ai bistrò alle boites. Più che abituati gli Europei si sono rassegnati.Brrrrrrrr..........che gente .Non resta che nella scuola primaria in Europa invece dell'inglese come lingua straniera si insegni l'arabo.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    21 Aprile 2017 - 14:02

    La Francia ago d'Europa. Se passa Macron l'Europa è fatta. Queste bombe in mano a dei disgraziati indottrinati sono le bombe anti Europa. Sono bombe intelligenti, cioè, comandate Da coloro che non vogliono l'Europa. L'Inghilterra gioca la carta delle elezioni pro May e ci si chiede perché mai gli inglesi che votarono remain dovrebbero votare la May. Quindi L'Inghilterra non vuole l'Europa. I grandi imperi non vogliono l'Europa, che ci organizza sbarchi di migranti con tanto di paga e alloggio non vuole l'Europa. La chiesa non vuole l'Europa. Tornando alle bombe il disegno è chiaro e se non lo capiremo attraverso il voto ora francese è finita. Continueranno a dividerci e noi a dormire su una cosa europea che non avremo più occasione di ripetere. La Germania dorme sul suo momentaneo benessere che se rimarremo divisi finirà. La Brexit fu il campanello d'allarme e la vittoria della May sarà la conferma. Vedere per credere. Solo i francesi, se lo vorranno, ci salveranno e avremo l'Europa.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    21 Aprile 2017 - 10:10

    Tutto grasso che cola, purtroppo, per la Le Pen. La speranza in tale situazione sta tutta nella maturità deil'elettorato francese. E come nel gioco dei birilli, se malauguratamente dovesse vincere in Francia il populismo lepeniano, potrebbero cadere anche i birilli nelle altre nazioni europee, compreso il nostro. Brutta storia, brutto momento. Incrociamo le dita.

    Report

    Rispondi

    • Alessandra

      21 Aprile 2017 - 13:01

      Certo , si preoccupati della contabilità dei voti invece che della minaccia permanente in cui sono costretti a vivere i francesi da anni per mano di concittadini a cui hanno concesso diritti e libertà con leggerezza ma in buona fede .

      Report

      Rispondi

Servizi