La cruciale settimana della diplomazia italiana in America

C’è la necessità di riannodare i fili del rapporto con gli Stati Uniti dopo il “tifo” del governo Renzi per Hillary

La cruciale settimana della diplomazia italiana in America

Donald Trump (foto LaPresse)

In una settimana ricchissima di eventi internazionali, dalla crisi nordcoreana al primo turno delle presidenziali francesi, passando per le accese discussioni intorno all’esito del referendum in Turchia che ha di fatto sancito il potere assoluto di Erdogan, la ciliegina sulla torta è rappresentata dal viaggio del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni negli Stati Uniti e in Canada. Il primo incontro bilaterale del nostro capo di governo con il nuovo inquilino della Casa Bianca aveva suscitato parecchi dubbi e incognite. Tuttavia,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    20 Aprile 2017 - 19:07

    Dopo il baciaggio di pile a 90°di Renzi ad Obama/Hillary -candidata sarà un gara dura con il mattocchio dalla cresta gialla che a ragione non vede di buon occhio gli italiani politici a gogò , giornalisti e corrispondenti tutti opinionari tutti schierati contro di lui.Se fosse il cattivo che descrive Ferrara ci dovremmo aspettare che al capo di governo dell'Italietta ( inginocchio da Erdogan per Del Grande) gli facesse fare anticamera e poi inventasse ( è un fenomeno di fantasia ) un malore e gli desse buca.

    Report

    Rispondi

Servizi