Cartellino rosso della Fifa per Israele?

Ma tutti in Qatar ai Mondiali, dove gli israeliani non possono entrare

Cartellino rosso della Fifa per Israele?

Foto di The Israel Project via Flickr

Pare che la Fifa voglia imporre all’Ifa (Israel Football Association) di revocare lo status di professionismo ai club israeliani che giocano nelle “colonie”, ovvero nelle città che sorgono nei Territori presi con la guerra del 1967. Lo scriveva ieri il giornale israeliano Haaretz. Gianni Infantino, a capo della Fifa, potrebbe dunque applicare contro lo stato ebraico un doppio standard che non ha fatto pesare, ad esempio, per i veri casi di aggressione territoriale in giro per il mondo. Jibril Rajoub,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • robyv73

    21 Aprile 2017 - 17:05

    C'è poco da fare la politica europea è succube dei palestinesi e degli arabi in generale e gli europei sono talmente decerebrati da "tifare" inconsapevolmente per i tagliagole che si divertono a farsi saltare nelle loro città.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    21 Aprile 2017 - 00:12

    Il calcio, senza palle, non è più uno sport.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    20 Aprile 2017 - 22:10

    Alla fine di tutta questa tragica pagliacciata Israele rimarrà l'unico paese libero in un mondo prigioniero dell'islam.

    Report

    Rispondi

Servizi