Il rito omicida di Steve Stephens sarebbe stato uguale senza Facebook?

Il killer di Cleveland ha utilizzato il social network per trasferire la responsabilità da se stesso a qualcun altro, per trovare nel mondo appoggio a una giustificazione liberatoria

Il rito omicida di Steve Stephens sarebbe stato uguale senza Facebook?

Steve Stephens al cellulare e due scene del video con l'omicidio

Mentre scrivo non si sa quale sarà la sorte di Steve Stephens, che a Cleveland ha ucciso a bruciapelo un settantaquattrenne pubblicando il video su Facebook e causando ore di caccia all’uomo in Ohio. È invece prevedibile che questo fatto di cronaca comporterà un dibattito sul ruolo dei social network nella degenerazione dell’animo umano. Per evitare pressapochismi o generalizzazioni, è meglio individuare subito le due questioni all’ordine del giorno: dove finisca la responsabilità individuale e fino a che punto il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi