Mélenchon rispolvera le alleanze bolivariane

Il candidato all'Eliseo è nostalgico di Chávez. La forma “comunista” della Frexit

Mélenchon rispolvera le alleanze bolivariane

Mélenchon. Foto AbacaPress

Poi arriva il momento in cui i termini quasi dimenticati diventano d’improvviso d’attualità. È capitato qualche giorno fa sulla tv francese, in uno scambio tra un conduttore e il portavoce-guru della campagna di Jean-Luc Mélenchon, “il comunista” della corsa elettorale per l’Eliseo. Il giornalista Patrick Cohen ha ricordato che nel libro-programma della France insoumise, si ricorda che la Francia non sarà mai sola, anche se vuole uscire dalla Nato, rinegoziare i trattati con l’Europa (cioè di fatto sganciarsi dall’Ue) e uscire dall’Organizzazione mondiale per il commercio, perché potrà aderire all’Alleanza bolivariana, che fu creata nel 2004 da Hugo Chávez e Fidel Castro. L’anno scorso, Mélenchon ha detto di voler entrare nella “coalizione dei paesi dei Caraibi e dell’America latina”. Nei testi programmatici del candidato di France insoumise, l’Alleanza bolivariana compare due volte e l’allineamento ideologico passa per l’obiettivo di “ridurre la povertà e le diseguaglianze sociali che derivano dall’applicazione indiscriminata delle politiche neoliberiste”. Tutto torna, visto che la star della retorica della diseguaglianza Thomas Piketty, che ora è consigliere del candidato dei socialisti Hamon, ha già detto che voterà Mélenchon se dovesse arrivare al ballottaggio. Tutto torna, visto che Mélenchon, in questa settimana di pressioni americane sulla Siria e sulla Russia, ha ribadito il suo filoputinismo: nell’Alleanza bolivariana, ci sono due paesi osservatori: Iran e Siria. Nel 2009, la Russia era stata invitata anch’essa come osservatrice. Altromondismo, antiatlantismo, che scommessa fidarsi dei francesi per salvare il liberalismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi