Da Westminster a Gerusalemme

E’ lo stesso terrorismo che ha ucciso una ragazza inglese in Israele

Da Westminster a Gerusalemme

Forze di polizia a Gerusalemme nel luogo in cui la turista britannica è stata accoltellata (foto LaPresse)

22 marzo. Un terrorista islamico, armato di coltello, dopo aver investito dei passanti sul ponte di Londra, tenta di assaltare Westminster, uccidendo una guardia. 14 aprile. Un terrorista islamico accoltella a morte una ragazza inglese a Gerusalemme, sul tram che passa accanto alla Città Vecchia. Stessa matrice (islamica), stessa arma usata (la lama), stessa identità delle vittime (inglese), ma molto diversa la località. E quest’ultima, Israele, è come se garantisse un salvacondotto ai terroristi. Da quando è iniziata l’“Intifada dei coltelli”, 43 cittadini israeliani, in maggioranza civili, sono stati uccisi in attacchi di questo genere o investiti da auto.  La polizia israeliana era in allerta per le feste della Pasqua ebraica. Eppure, la società civile considera il terrorismo contro Israele moralmente giustificato, mentre quello di Londra è “barbarie”. L’Inghilterra in particolare fermenta di questo doppio standard, nelle sue gloriose università, nei suoi altrettanto gloriosi antichi giornali, nel suo ceto letterario.

 

Una grandissima parte dell’occidente considera Israele sacrificabile e il sangue dei suoi cittadini meno rosso di quello degli europei duramente colpiti dal terrorismo in questi due anni. Non è l’“occupazione” a motivare i terroristi, ma l’odio per gli ebrei israeliani. Così come non è la guerra a spingere l’Isis a colpirci e a insanguinare nazioni pacifiste come Belgio e Svezia e più interventiste come Francia e Inghilterra. E’ una guerra all’occidente giudeo-cristiano-liberale da parte di frange radicali dell’islam. E Israele ne fa parte. Trattiamolo quindi di conseguenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    14 Aprile 2017 - 18:06

    Continuo a stupirmi. Tutti hanno dimenticato l'altrettanto ferocissimo terrorismo palestinese - e l'Italia faceva gnègnè per non dire civettava- sempre islamico riconducendolo ad un affare privato tra Israele e i palestinesi . In Italia ci sono politici di rango che ( ricordate l'abbraccio tra Craxi ed Arafat premio nobel per la pace terroristica?) da 35 anni e ancora oggi fanno tifo smodato per gli attentati che quasi ogni giorno affliggono Israele. I nomi .Perintanto cominciamo con quelli della Flottiglia e le urla disumane per gli uccisi dalle forze speciali israeliane. A botta non li ricordo ma in archivio il Foglio ce li ha di certo. Ecco cominciamo con quelli della Sinistra Italiana ( e molti altri ) che sò , mettiamo la senatrice De Pedis e compagneros ?

    Report

    Rispondi

Servizi