Per ora niente sanzioni alla Russia, Tillerson si gioca l'ultima carta a Mosca

Al G7 si decide per una posizione di attesa per "non mettere i russi all'angolo". Putin parla di "nuove provocazioni in corso per accusare di nuovo Damasco di usare armi chimiche"

Luca Gambardella

Email:

gambardella@ilfoglio.it

Per ora niente sanzioni alla Russia, Tillerson si gioca l'ultima carta a Mosca

Rex Tillerson e Boris Johnson (foto LaPresse)

Roma. Al termine del G7 di Lucca, il segretario di stato americano Rex Tillerson ha dichiarato che il regime di Damasco del presidente Bashar el Assad "è vicino alla fine". Tuttavia, per il momento i sette paesi non hanno dato seguito all'ipotesi ventilata ieri dal ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, sulle possibili nuove sanzioni da imporre al governo siriano e al suo alleato russo dopo l'attacco chimico dello scorso 7 aprile. In attesa del viaggio di Tillerson a Mosca, dove il segretario di stato è atterrato nel pomeriggio, al G7 si è deciso di mantenere una linea più cauta e di convincere nelle prossime ore il Cremlino ad abbandonare Assad – ipotesi molto difficile dato il grande investimento politico, militare ed economico sostenuto finora da Mosca per difendere l'alleato siriano – oppure a sostenere almeno un cessate il fuoco.

 

L’egemonia assadista

Per fare la guerra dura all’Isis non serve la tessera del partito Baath siriano

  

Il ministro degli Esteri italiano, Angelino Alfano, ha detto alla stampa che allo stato attuale "sulle sanzioni non c'è consenso per raggiungere lo scopo che ci siamo dati" e ha aggiunto che "non dobbiamo spingere Mosca in un angolo". Una posizione molto più moderata rispetto a quella descritta alla vigilia del G7 da Boris Johnson che, alla ricerca di una linea strategica più chiara da parte degli Stati Uniti, aveva accusato i russi di essere stati complici dell'attacco chimico, che per questo dovevano essere sanzionati alla stregua del regime di Assad e che, soprattutto, il Cremlino deve scegliere ora tra "lavorare con il resto del mondo per una soluzione politica" o continuare a sostenere Damasco.

  

Tillerson va a Mosca per trasformare l'attacco in leva diplomatica

Con una mano la Casa Bianca alimenta l’escalation retorica con Putin, con l’altra tratta su una Siria senza Assad. I vari registri televisivi dell’Amministrazione

 

Dall'esito del viaggio di Tillerson a Mosca, dove il segretario di stato incontrerà il suo omologo Sergei Lavrov e forse anche Vladimir Putin, si potrà capire quali sono le vere intenzioni dell'Amministrazione Trump nei confronti di Mosca e di Damasco. Prima di lasciare l'Italia, Tillerson ha ribadito alla stampa che l'attacco americano alla base siriana da cui è partito l'attacco chimico nella zona di Idlib rientra nella "difesa degli interessi nazionali" degli Stati Uniti. "Non vogliamo che il regime accumuli un arsenale chimico e che questo finisca nelle mani dell'Isis o di altre organizzazioni terroristiche (come Hezbollah, ndr) che potrebbero attaccare l'America o i suoi alleati (Israele, ndr)".

 

Oggi Putin ha detto di essere a conoscenza di un'altra "provocazione", montata appositamente per accusare Damasco di un nuovo attacco chimico. "Sappiamo che si sta preparando qualcosa in altre parti della Siria, inclusa la periferia sud di Damasco, dove vogliono collocare di nuovo alcune sostanze per accusare di nuovo il governo di usare armi chimiche", ha detto il presidente russo che non ha chiarito chi sia l'ideatore di questa "provocazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi