L'antisemitismo di Marine

Altro che normalizzazione del Front. La Le Pen cede al revisionismo

L'antisemitismo di Marine

Marine Le Pen in campagna elettorale ad Erquy (foto LaPresse)

Inavvertitamente o di proposito, negando la responsabilità della Francia nella deportazione di 13 mila ebrei nel 1942, Marine Le Pen ha rivelato di essere rimasta la figlia politica di Jean-Marie Le Pen. Come il padre, che aveva fondato le sue forze e quelle del Front national sulla nostalgia del regime di Vichy, Marine è pronta a stuzzicare gli istinti più bassi e reazionari pur di racimolare qualche voto in più. Come il padre, Le Pen dimostra la sua anima revisionista, affermando che per rendere di nuovo la Francia fiera è necessario negare il suo ruolo nell’Olocausto. Perché non c’è altro modo di interpretare le sue dichiarazioni domenica. “Penso che la Francia non è responsabile del Vel d’Hiv”, ha detto la candidata del Fn: “La Francia è stata malmenata negli spiriti per anni. Si è insegnato ai nostri figli che c’erano tutte le ragioni di criticarla, di vedere solo gli aspetti storici più tetri. Io voglio che siano di nuovo fieri di essere francesi”.

Tra i ragazzi del Front national che fissano i termini della loro rivalsa

Con i giovani di Marine Le Pen si parla di “disprezzo di classe” ed Europa, con un occhio all’ascesa di Mélenchon

Nel mirino di Le Pen c’è la decisione di Chirac di riconoscere nel 1993 che la Francia aveva “commesso l’irreparabile” nella retata che portò 13 mila ebrei prima al Velodromo di Parigi e poi nei campi di concentramento nazisti. Il ruolo della Francia era stato negato per 50 anni in parte per ricostruire l’unità nazionale, in parte per dimenticare l’onta di Vichy. Nemmeno Mitterrand, che di Vichy era stato un esponente, aveva voluto compiere il passo di verità di Chirac. Ma la storia è storia e anche la politica francese si è piegata. Con le sue parole, Le Pen non ha solo superato la linea rossa del revisionismo. Ha chiarito definitivamente la posta in gioco delle presidenziali: i francesi sono chiamati a scegliere tra una candidata antisemita e la democrazia liberale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    11 Aprile 2017 - 17:05

    La candidata "antisemita" che, guardacaso, è colei che vorrebbe mettere un freno all'immigrazione islamica, questa sì antisemita? Bum!

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    10 Aprile 2017 - 20:08

    Sono ancora convinta che vincera Fillon. E la LePen la voteranno i fondamentalisti (da destra a sinistra passando per gli islamisti): prenderà pochi voti per diventare Presidente la LePen, ma troppi per sperare che l'Europa se la cavi, nei prossimi 25anni. A meno di non dventare filoamericana !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Servizi