Traditi da Trump?

Il presidente è stato prosciugato dalla palude. Daniel McCarthy racconta i tormenti dei nazionalisti

Traditi da Trump?

Foto LaPresse

New York. Daniel McCarthy dice prudentemente che bisogna aspettare, vedere, valutare, soppesare. Poi si stufa della sua stessa prudenza e dice una verità intraducibile: Trump voleva “drain the swamp” ma è stato “swamped by the drain”. La palude da prosciugare lo ha già prosciugato. L’attacco alla base siriana testimonia che è scivolato nella politica convenzionale dell’establishment dopo aver acceso gli animi di un vecchio popolo conservatore e isolazionista dato per morto. McCarthy, editor at large della rivista The American Conservative, è un rappresentate eminente di quel mondo, essendo cresciuto alla scuola filosofica di Pat Buchanan ed essendosi fatto le ossa politiche nella palestra di Ron Paul. Aveva creduto che Trump potesse ridare lustro al motto lanciato dal suo giornale alla fine della Guerra fredda: “Siamo una repubblica, non un impero”. All’indomani dell’iniziativa bellica, McCarthy non dice “vi posso spiegare tutto” per imbastire una difesa d’ufficio del suo eroe di stagione, ma con più di una punta di delusione parla di un “pessimo segnale, perché aveva dato la priorità alla lotta allo Stato islamico e aveva detto che combattere in Siria su due fronti era contraddittorio. E’ purtroppo un’azione che avrebbe potuto ordinare Hillary o George W. Bush”, spiega al Foglio. Non nasconde la sorpresa per la piega che hanno preso gli eventi. “Sono francamente scioccato dalla decisione di attaccare, seppure in modo limitato, perché significa voltare le spalle a chi ti ha sostenuto e votato”, spiega. Pochi minuti dopo che i Tomahawk sono partiti dalle navi americane, il suo giornale ha messo nell’homepage un titolo lapidario che è rimasto al suo posto per tutta la giornata di ieri: “Questa non è la politica estera su cui Trump ha fatto campagna”.

 

Troll e provocatori della alt-right si sono affrettati a smarcarsi dal loro protettore, mentre l’establishment di destra e sinistra all’unisono applaudiva lo strike contro il regime. Milo Yiannopolous ha detto che “nella vita di ogni bambino c’è un giorno in cui il suo Daddy lo delude amaramente”, mentre Richard Spencer, ideologo con taglio di capelli “fashy”, dice che è “pronto ad attaccare Trump”. Se è lecito aspettarsi uscite iperboliche dalla squadra dei trumpisti in assetto da raccolta pubblicitaria permanente, per quelli come McCarthy, che all’informe fenomeno Trump hanno dato una struttura ideologica, collegandolo al nazionalismo che gli scorre nelle vene, un bombardamento mette in discussione molte cose dette e fatte negli ultimi mesi. Potrà ancora giurare fedeltà al presidente? “Il problema è che non è chiaro cosa significa fedeltà. A cosa? A lui personalmente o alle idee che ha promosso in campagna elettorale?”. Per molti conservatori nostalgici Trump non è che un veicolo, un figurante al quale è stato affidato un compito più grande. E’ una concessione di fiducia in fondo esigua, basta un piccolo bombardamento dalla parte sbagliata per vanificarla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi