Il Senato Usa conferma la nomina di Gorsuch alla Corte Suprema

Per superare l'ostruzionismo dei Democratici i Repubblicani hanno fatto valere “l'opzione nucleare”. Via libera con la maggioranza semplice di 52 voti favorevoli

Il Senato Usa conferma la nomina di Gorsuch alla Corte Suprema

Neil Gorsuch (foto LaPresse)

Il Senato Usa ha confermato la nomina di Neil Gorsuch alla Corte Suprema. Lo ha fatto dopo che la minoranza democratica guidata da Chuck Shumer aveva provato in tutti i modi a bloccare il giudice scelto da Donald Trump. Lo ha fatto dopo che i Repubblicani, proprio per superare l'ostruzionismo Dem, avevano fatto valere “l'opzione nucleare”, cioè una modifica dei regolamenti per consentire la possibilità di approvare la nomina con un numero di voti inferiore alla maggioranza qualificata di 60. Così, con 52 voti favorevoli e 48 contrari, Gorsuch ha ottenuto, dopo quasi 30 ore di dibattito il via libera. 

 

La nomina di Gorsuch alla Corte Suprema mette in difficoltà i liberal

Trump punta su un giudice “al di sopra di ogni sospetto”, che rifugge dall'attivismo giuridico come il predecessore Scalia

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Roberto Cattani

    08 Aprile 2017 - 02:02

    Questa è bella. Siccome non riesco a convincere otto senatori otto che Gorsuch è ok, mi grillizzo, cambio le regole e mi faccio bastare i 52 voti che già ho. Neanche fossimo a Genova e in ballo ci sia la candidatura a un comune di meno di 600.000 abitanti. E pensare che sarebbero bastati un po’ di missili sparacchiati qua e là che perfino Hillary … Povera democrazia USA.

    Report

    Rispondi

Servizi