Perché c’è da tremare per lo scontro tra Macron e Le Pen

Il duello francese tra un Rothschild e una patriota della Francia di sotto e il passaggio tv che mai come oggi aiuterà a capire di che morte moriremo

Perché c’è da tremare per lo scontro tra Macron e Le Pen

Emmanuel Macron (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    21 Marzo 2017 - 19:07

    Questo sarebbe il momento di fare l'Europa. Come? Rispolverando una vecchia istituzione di Roma repubblicana: la dittatura. Un anno - ma sì, facciamo due - per sistemare le cose, poi di nuovo a casa a piantare cipolle. E come eleggerlo? Con le dittatorarie, naturalmente.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    21 Marzo 2017 - 11:11

    Caro Ferrara, vivo in una villetta della Costa azurra che assomiglia a quella dove inizia e termina "Il campo dei santi" di Jean Raspail, la cui lettura non mi ha dato alcuna preoccupazione perchè i francesi, nella situazione del libro, manderebbero l'intera flotta a dirottare il convoglio, conoscendo la nostra dabbenaggine, su Lampedusa. Ma la descrizione, nel libro, della follia ideologia della gauche è realissima. ( A proposito ha sentito del fallimento del costoso programma di deradicalizzazione dei maomettani, che si svolgeva in uno dei meno belli castelli della Loira, a Pontourgny, per mancanza di aspiranti a farsi deradicalizzare?) Il sindaco del paese dove vivo che mi ha raddoppiato la tassa fondiaria è del FN, e quindi non voterei mai, per ripicca, per la Le Pen, ma non sono certo che i francesi di droite, dopo l'autocastrazione di quel Fillon che prometteva così bene, si accontentino di Macron. E' vero che la gauche ha radici profonde e i moderati sono moderati, ma.....

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    21 Marzo 2017 - 09:09

    Ancora una considerazione: la strategia lungimirante, e per ora vincente, dei comandanti dei branchi lupi solitari (eh già!) avrebbe interesse a colpire per far andare a votare tutti i fascisti di Francia, paralitici inclusi, avvisando quelli italiani di tenersi pronti pure loro. Quindi FILLON dovrebbe mettere in campo una strategia comunicativa (politica) da PRE-EMPTIVE STRIKE. Il rischio di metterla giù male è alto, ma se fatto bene potrebbe rosicchiare voti a LePen e Macron e soprattutto inaugurare una nuova strada, in europa, per un risveglio dei sensi, e il ritorno della forza della ragione (illuminata dalla giustizia e non dall'ideologia e altri idoli).

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    21 Marzo 2017 - 09:09

    Vincerà Fillon ! Le Pen la votano i fondamentalisti islamici, i turchi come lei colle dita ingiallite, e le tifoserie da stadio ce aspettano di piter menee schiaffi, destra e sinistra. Rotschild lo votano i giovani facebook e le femmine (e genderly so) come si tattasse degli Oscar. Fillon lo vota la maggioranza silenziosa (quasi quanto lui). A patto che tiri fuori almeno un ruggito, ne basta uno al momento giusto, magari persino sulle sigarette, che mi pare in Francia sia lontano dalle preoccupazioni del popolo quanto i sette gemelli della Terra lo sono al nostro Soleil ...... Io la vedo (e la spero) così. PS ai sondaggi non crede più nessuno.

    Report

    Rispondi

    • mauro

      21 Marzo 2017 - 11:11

      La vittoria di Fillon sarebbe una manna per la Francia e per l'Europa, ma, anche non stando a sentire i miei amici francesi e ignorando i sondaggi, temo che si fermerà al primo turno.

      Report

      Rispondi

      • tamaramerisi@gmail.com

        tamaramerisi

        21 Marzo 2017 - 13:01

        Temere è lecito, anche io temo parecchio, ma sperare è dovere, io ci provo! Gli amici francesi andrebbero incoraggiati sosenuti e dovrebbero fare lega (non la parolaccia) tra loro. L'unione fa la forza, sempre, e che si ricordino che sono i moschettieri d'Europa !

        Report

        Rispondi

Servizi