Assale una soldatessa all'aeroporto di Orly. Ucciso un uomo

Torna la paura in Francia. L'assalitore, musulmano con nazionalità francese, ha cercato di rubare la pistola del militare ed è stato freddato. Un attacco che ci ricorda che non c'è modo di alleggerire lo stato d'emergenza

Assale una soldatessa all'aeroporto di Orly. Ucciso un uomo

Forze speciali francesi all'aeroporto di Orly (foto LaPresse)

The new normal è anche questo, in Europa. Tremila evacuati all'aeroporto di Orly, a sud di Parigi, uno scalo da quasi trenta milioni di passeggeri all'anno che improvvisamente si ritrova, nel caos di un sabato mattina, ad affrontare l'incubo del terrorismo.

 

Questa mattina alle sette a Stains, a nord di Parigi, vicino Saint-Denis, un uomo di trentanove anni ha sparato contro un agente che lo aveva fermato per un regolare controllo della polizia, ferendolo. L'uomo è poi riuscito a scappare e ha guidato verso l'aeroporto di Orly, ha lasciato la sua automobile, è entrato, ha buttato a terra una soldatessa e ha cercato di prendere la pistola in dotazione alla militare che fa parte dell'operazione Sentinelle. Altri due soldati che erano sul posto hanno aperto il fuoco contro l'uomo, uccidendolo (foto sotto). Secondo le ricostruzioni non ci sono stati altri feriti.

 

 

Il ministro dell'Interno francese Bruno Le Roux, che già parlato in una conferenza stampa, ha detto che le operazioni a Orly sono concluse, non sono stati trovati esplosivi, e lo scalo seguendo le procedure d'emergenza è stato in parte riaperto per consentire gli arrivi (per le partenze occorrerà aspettare ancora). Non sono chiari i motivi che hanno spinto l'uomo ad attaccare l'aeroporto, ma l'unità antiterrorismo francese ha già aperto un indagine.

 

Il fratello e il padre dell'attentatore sono sotto custodia della polizia. L'uomo, musulmano con nazionalità francese ma di cui non si conoscono ancora le generalità (anche se per Le Parisien si chiamerebbe Ziyed B. ndr), era conosciuto ai servizi segreti francesi, ma non aveva la "schedatura S", quella assegnata agli individui considerati pericolosi per la collettività. Ha almeno nove precedenti penali per furto aggravato e traffico di stupefacenti. Secondo quanto riportato dal Figaro, c'è stato un momento in cui l'uomo era sotto la stretta sorveglianza delle Forze dell'ordine, perché in carcere sembrava si stesse radicalizzando. Poi però la sorveglianza si è interrotta.

 

 

Soltanto ieri sempre a Parigi un uomo ha ucciso, tagliandogli la gola, il padre e il fratello. Lo ha fatto in mezzo alla strada, in rue de Montreuil, secondo molte fonti gridando frasi legate all'islam. È probabile che l'assassino di ieri avesse dei problemi psichici, ma è inevitabile pensare quanto la tensione in Francia, e la paura dei francesi, sia connessa alla comunità islamica.

L'attacco di questa mattina a Orly non ha fatto altri feriti, a parte il poliziotto e l'attentatore. Ma ci dice questo: che il new normal è la militarizzazione costante e vigile, e che non c'è modo di alleggerire lo stato d'emergenza, non nel breve termine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    18 Marzo 2017 - 22:10

    Un'immagine che fotografa la Francia 2017. Poliziotto francese in servizio per garantire la sicurezza dei propri concittadini, costretto a farlo nascondendosi la faccia in casa a propria. Ecco il risultato del buonismo demagogico, della dem(ent)ocrazia laikista. Dov'è finita la liberté egalitė e fraternitė? La Grandeur in gabbia. Francesi prigionieri in casa propria. In Francia - come in Germania, in Inghilterra, in Belgio e in Olanda, in Svezia, e man mano anche in Italia, l'islam HA GIÀ VINTO! Ma non ditelo, tanto nessuno ci vuol credere. Alla realtà. Come insegna, infatti, la bolsa subkultura laikista imperante.

    Report

    Rispondi

    • Alessandra

      19 Marzo 2017 - 13:01

      E noi italiani, vedendo quello che capita in giro cosa facciamo? Importiamo africani e musulmani a centinaia di migliaia e discutiamo di jus soli . Grazie Pd

      Report

      Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    18 Marzo 2017 - 15:03

    Eccoti servita, Francia ateo-laikista: fuori Cristo, dentro satana. Ma non ditelo a nessuno.

    Report

    Rispondi

Servizi