L'America ha un "nuovo approccio" sulla questione nordcoreana?

Il segretario di Stato Rex Tillerson dopo la visita alla DMZ, la zona demilitarizzata che divide le due Coree, ha detto che un'azione militare contro la Corea del nord è "una delle opzioni sul tavolo"

L'America ha un "nuovo approccio" sulla questione nordcoreana?

Il segretario di Stato americano Rex Tillerson durante la visita a Seul (foto LaPresse)

Per gli Stati Uniti un'azione militare contro la Corea del nord è "una delle opzioni sul tavolo". Lo ha detto il segretario di stato americano, Rex Tillerson, durante la sua visita in Corea del Sud. Tillerson ha detto che la strategia della "pazienza strategica" di Washington nei confronti di Pyongyang non ha portato ad alcun miglioramento nei rapporti tra i paesi, e che gli alleati stanno esplorando nuove misure per tentare di fermare il programma nucleare e missilistico nordcoreano.

 

Subito dopo la visita alla DMZ, la zona demilitarizzata che divide la Corea del sud da quella del Nord lungo il 38 parallelo, il segretario di stato americano non ha escluso l’utilizzo della forza nei confronti di Pyongyang: “l'America non vuole che si arrivi a un conflitto militare, ma se la Corea del nord agisce in modo da minacciare le nostre Forze armate, o i nostri alleati, questo è quello che succederà".

Tillerson arriva in Asia nel peggiore dei momenti possibili

Il viaggio del Segretario di stato americano tra Tokyo, Seul e Pechino. I problemi irrisolti dell'area pacifica

Anche il ministro degli Esteri sudcoreano, Yun Byung-se, ha detto che Seul è pronta ad appoggiare questa linea, spiegando che Seul e Washington stanno lavorando a un "nuovo approccio" alla questione nordcoreana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi