Tra spioni interni e pista russa, ecco qual è il vero scandalo della Cia

Le rivelazioni di Wikileaks, per ora, non sono scottanti, e il vero problema è: chi ha dato i documenti riservati a Julian Assange?

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

Tra spioni interni e pista russa, ecco qual è il vero scandalo della Cia

Roma. La pubblicazione da parte di Wikileaks del “Vault 7”, un archivio di oltre 8.000 documenti riservati che dettaglia gli strumenti di hackeraggio della Cia, ha suscitato un polverone in gran parte ingiustificato. Su molti giornali italiani, e non solo, lo scandalo creato dalla pubblicazione non autorizzata di Wikileaks ha ricordato l’affaire della Nsa in cui fu coinvolto Edward Snowden nel 2013. In realtà, quando si scende nel dettaglio degli strumenti di hackeraggio sviluppati dalla Cia, si scopre che questi erano a volte banali, a volte basati su progetti open source e comunque ben lontani dagli strumenti di sorveglianza di massa rivelati da Snowden nel 2013. Per esempio, il tanto pubblicizzato hackeraggio della smart tv della Samsung, che trasforma le televisioni in strumenti di intercettazione, richiede in realtà che gli agenti della Cia accedano a una tv fisicamente, con una penna usb: poco pratico.

 

Arriva Wikileaks (e chi altro?) ad alimentare l’ossessione trumpiana

Ma se le ripercussioni di questa enorme pubblicazione saranno ponderate in seguito, il punto politico è evidente già oggi: arriva Wikileaks a dare un aiutino a Trump

 

E’ falso inoltre che la Cia aveva trovato il modo di violare i sistemi di criptaggio delle app come WhatsApp, Telegram e Signal. In generale, sono già in vendita versioni più avanzate di molti degli strumenti svelati da Wikileaks. E dunque se, almeno per ora, le terribili rivelazioni sono tutt’altro che terribili – perché alla peggio rivelano strumenti scomodi e alla meglio rivelano che un’agenzia di spionaggio si era dotata di strumenti per spiare, senza nemmeno i dubbi costituzionali che sollevavano i metodi della Nsa – e l’eccitazione mediatica è una bolla, il vero scandalo è: come è finito il Vault 7 in mano a Julian Assange e a Wikileaks? Come scrive la stessa Wikileaks, i documenti circolavano da tempo nella comunità di sviluppatori e contractor legata all’intelligence, ma a un certo punto la Cia ne ha “perso il controllo” e parte di essi è finita a Wikileaks. A passare i documenti ad Assange potrebbe essere un whistleblower à la Chelsea Manning. Ma è dal 2010, dai tempi di Manning, appunto, che nessun whistleblower di peso cede documenti rilevanti a Wikileaks, perché ormai l’organizzazione di Assange è politicamente orientata. Snowden, per esempio, ha ceduto i suoi documenti a giornalisti, e ha criticato Assange molte volte. Così, accanto alla pista dello spione, se ne apre un’altra, e cioè che la Cia sia stata vittima di un’operazione esterna.

 

Come hanno reagito i colossi tech alle rivelazioni di Wikileaks

Microsoft, Apple, Samsung minimizzano la portata delle rivelazioni che coinvolgono la Cia. Google non commenta

 

Tra i paesi che hanno i mezzi tecnici per estrarre informazioni dalla Cia, hanno ottimi rapporti con Wikileaks e l’interesse nel vedere l’intelligence americana in ginocchio, il principale sospettato è la Russia, che secondo esponenti della comunità della cybersecurity americana era già dietro a un furto di strumenti di hackeraggio della Nsa operato dal gruppo “Shadow Brokers” l’anno scorso. I legami tra Wikileaks e la Russia sono noti e si sono rafforzati nell’ultimo anno, quando l’organizzazione di Assange è stata individuata come uno strumento funzionale al piano del Cremlino per influenzare il risultato delle elezioni americane. Inoltre, ha scritto il Daily Beast, insieme alle rivelazioni di Wikileaks è partita una campagna di disinformatia volta a sollevare il Cremlino dalla responsabilità per gli hackeraggi passati e aumentare il divario già esistente tra il presidente americano Donald Trump e la sua intelligence. La pista russa, per ora, è solo un’ipotesi, avanzata da esperti del settore come John Schindler o Bruce Schneier, e sarebbe smentita se si rivelasse l’esistenza di un whistleblower interno. Ma comunque vada, a beneficiare del leak, per ora, c’è una sola entità, e non sono i cittadini americani. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    08 Marzo 2017 - 20:08

    Perche` tutti hanno creduto al New York Times del 20 Gennaio quando parlava di spionaggio iontro i collaboratori di Trump e da questo spionaggio il giornale guida ,anche del Foglio,vantava di aver ricevuto delle informazioni esclusive . Pure tutta la casta dei media era in linea con questa versione e tutti hanno creduto veritiere le indiscrezioni del NYT senza chiede niente. Come il famoso Confetto di una volta : BASTA LA PAROLA Oggi tutti negano che vi siano state sorveglianze o spionaggio. Allora il NYT ha mentito? Se lo dice il NYT e` vero se la stessa ipotesi la fa il Presidente Trump non e` vero. Sbaglio?

    Report

    Rispondi

Servizi