La linea Maginot d’Israele

Parlano i consiglieri di Netanyahu: “Non ci ritireremo ancora per far entrare i terroristi e i palestinesi dimentichino Gerusalemme”. Le opzioni oltre i “due stati”

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

La linea Maginot d’Israele

La metropoli israeliana di Tel Aviv vista dall’insediamento di Peduel in Cisgiordania, dove dovrebbe sorgere lo stato palestinese. Ogni ipotesi di ritiro da quelle terre oggi è impensabile

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi