Il trumpismo applicato a Israele

Trump, confuso, a Netanyahu: fate voi con i palestinesi, io sarò “contento”

Usa-Israele: premier Netanyahu incontra Trump alla Casa Bianca

Usa-Israele: premier Netanyahu incontra Trump alla Casa Bianca (foto LaPresse)

Incontrando Benjamin Netanyahu alla Casa Bianca, Donald Trump non ha insistito sulla soluzione a due stati della questione israelo-palestinese, che è stata incoraggiata dagli Stati Uniti per decenni, ed è alla base degli accordi di Oslo e di Camp David. Trump ha chiesto al premier israeliano di rallentare “un pochino” la costruzione degli insediamenti, ma non ha imposto una sua visione, ha detto: sarò “molto contento” dell’assetto che voi israeliani riuscirete a trovare con i palestinesi, “posso sopravvivere a una soluzione a uno stato”, ma sostanzialmente: fate voi. Per la prima volta nella storia recente, l’Amministrazione americana non vuole guidare il negoziato israelo-palestinese, né forgiarlo, non impone soluzioni a tavolino, né quelle antiche che sono già fallite, né nuove (Trump resta affezionato all’idea di spostare l’ambasciata americana a Gerusalemme, ma non insiste, non promette). Secondo il neo presidente americano, tocca ai diretti interessati determinare l’approccio migliore per trovare la pace, “ogni parte dovrà scendere a compromessi”, e Washington lavorerà per agevolare il dialogo. Netanyahu ha ribadito che la questione degli insediamenti per lui non è rilevante ai fini della pace, e ha incassato il mandato a scegliere il prossimo passo con i palestinesi: il premier israeliano non credeva più nella soluzione a due stati, ma sa bene che quella a uno stato è ancor meno praticabile. Da dove si riparte, ancora non si sa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    16 Febbraio 2017 - 14:02

    "Se sei brutto ti tirano le pietre, se sei bello ti tirano le pietre, qualunque cosa fai..." canzone - inno che ogni mattina la redazione canta contro Trump. Ha deciso di appoggiare Israele lasciandolo completamente libero di scegliere il compromesso migliore per salvare capra e cavoli, e si è dimostrato "confuso". Avesse imposto una sua opzione apriti cielo contro il bulldozer, all'indebita, inaccettabile intromissione ecceccecc. Così è stato corretto e rispettoso. Ma vi fa schifo lo stesso. Povero Foglio: state emulando il Fatto e l'altra cartastampata che è inutile comprare perché si sa già cosa dice e cosa non dice? Occhio....

    Report

    Rispondi

Servizi