Trump, un paranoico da operetta

Non è questione di orwellismo. Il jihadismo è combattuto poco e male, e tanti negano il suo legame con l’islam, ma dire che la stampa nasconde le stragi è roba da psichiatria della comunicazione alternativa

Trump, un paranoico da operetta

Donald Trump (foto LaPresse)

Stiamo qui a trotterellare con i “de minimis”, a parte il Drago di Francoforte che galoppa, e intanto il presidente degli Stati Uniti, parlando con pardon, dice che la stampa “nasconde le stragi terroriste”. Ripeto: la stampa nasconde o minimizza le stragi terroriste. Ripeto, eccetera. C’è un grillozzo di seconda fila che si fa ridere dietro dicendo cose così tremendamente spassose a proposito di complotti internazionali, non ne ricordo il nome. E ci sono blog opachi di estremisti americani coccolati dagli uomini della attuale Casa Bianca che a questa torsione della comunicazione in “fatti alternativi” prestano la loro eco creativa. Ora, questo non è uso demagogico della paura, magari, è paranoia grave, fascista in quanto è anche da operetta, ma paranoia politica grave. Non è questione di orwellismo. Noi tutti sappiamo che il jihadismo è combattuto poco e male, che sul suo carattere fioriscono mistificazioni ideologiche di ogni genere, tutte negazioniste a proposito del suo legame con l’islam politico, cioè l’islam, ma se si afferma che la stampa nasconde le stragi jihadiste, siamo del tutto fuori controllo, entra in campo la psichiatria della comunicazione alternativa. Contro il jihadismo armato è necessaria una violenza incomparabilmente superiore, contro lo spaccio del falso come fatto, in un contesto di demagogia narcisista e di impellenza autoritaria, ci vuole la camicia di forza, e basta.

Allarme Trump?

Ragioni per non preoccuparsi troppo degli strappi di The Donald. Parla il professor Cassese

Qui abbiamo il miglior analista di istituzioni e politica, di gran lunga, il professor Sabino Cassese, che ci ha spiegato bene ieri la sregolatezza della presidenza cesarista americana, preoccupato delle sue radici anche nei mandati di George W. Bush e di Barack H. Obama ma allarmato della sua attuale deriva tendenzialmente catastrofica, appena sostenibile, ma chissà per quanto, dal meccanismo dei pesi e contrappesi del sistema costituzionale americano. Con un Cassese che spiega, non si può trotterellare. Unica obiezione. Quando Cassese elenca i sintomi del cesarismo presidenziale, sulla scorta di studi seri che ha fatto tradurre in Italia, menziona varie circostanze (colonizzazione della burocrazia, estrema polarizzazione a partire dalle primarie, usurpazione presidenziale di prerogative del Congresso, abuso dei sondaggi e altre). Tra queste mette anche il ruolo dei soldi nelle campagne elettorali. Bè, questo, non in Cassese specialmente ma nelle sue fonti, è il riflesso del moralismo di sinistra americano (non solo quelli che festeggiano ogni anno il complenno di Chomsky, come in “Captain Fantastic”, molti altri). In realtà i soldi sono sempre stati un veicolo democratico-liberale degli interessi in conflitto, e grandi battaglie sono state fatte dai conservatori liberali per impedire che le campagne elettorali americane diventassero “austere”, per così dire. Avevano ragione a battersi.

 

Infatti l’attuale impostore della Casa Bianca è espressione di un fenomeno genuinamente democratico, e illiberale o antiliberale, ed è stato eletto con pochissimi soldi. Al posto dei soldi non c’è stata la libera determinazione della volontà generale, no, c’è stato il commercio abusivo della parola demagogica, il disprezzo per la verità, l’invocazione della galera per il competitore, i fatti alternativi diffusi da Wikileaks, dagli hacker del Cremlino, dalla burocrazia dell’Fbi. C’è qualcosa che è molto peggio dei finanziamenti ai Political Action Committees, ed è la via cesarista, parolaia, reality tv di un uomo arancione con un immenso e seducente riporto. I rischi della democrazia così intesa erano stati segnalati nell’Ottocento da Tocqueville e da Herman Melville, nel suo meraviglioso libro sul rapporto degli americani con il diavolo tentatore della “fiducia” o “fiducia sulla parola”. L’esito finale e mostruoso è che il capo della Casa Bianca dice con sicurezza che le stragi terroriste ci vengono nascoste da media disonesti, “e loro sanno il perché”, aggiunge l’impostore.

 

John Yoo, un legal scholar che ha giustificato con i suoi dossier la reazione d’emergenza di Bush e Dick Cheney alle stragi dell’undici settembre 2001, e lo rivendica (da Guantanamo alle guerre al waterboarding), è anche uno che ha accompagnato con la sua expertise giuridica i droni segreti e assassini di Obama, e molte altre azioni borderline dell’esecutivo nella sua funzione di tutela della sicurezza e libertà degli Stati Uniti (e del mondo occidentale). Ora Yoo scrive che perfino Alexander Hamilton, tra i Founding Fathers il più conseguente teorico della necessità di un esecutivo forte concentrato nei poteri di una sola persona, sarebbe nelle peste a giudicare il comportamento di Trump, che sbaglia e gravemente, per totale ignoranza e disprezzo della base costituzionale dello stato al cui vertice siede, anche quando la legge potrebbe essere dalla sua parte. Ecco. Vorrei che fossimo avvertiti. Possiamo giocare con i nostri impulsi. Possiamo geopoliticizzare il fenomeno Trump. Possiamo far finta che sia un blablabla senza gravi conseguenze. Possiamo essere d’accordo con la liquidazione di élite e culture delle istituzioni. Possiamo attenderci benefici indiretti, e anche in sede di eterogenesi dei fini, dalle sue sparate che intingono veleno nel calamaio ormai traboccante del politicamente scorretto. Ma non possiamo non sapere che un paranoico di bassa lega, e di spumeggiante simpatia, dunque un uomo veramente pericoloso, si divide tra Washington e Mar-a-Lago per rendere più difficile di quanto ci aspettassimo questo dannato, fucking secolo inaugurato dal 9/11 del 2001.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    09 Febbraio 2017 - 01:01

    La ripulsa di Ferrara verso Trump è quella naturale, istintiva, dell'aristocratico verso il plebeo.

    Report

    Rispondi

  • gquarto

    08 Febbraio 2017 - 22:10

    Ormai è diventata una fissazione scrivere di Trump

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    08 Febbraio 2017 - 21:09

    Mutati o mutanti, anche da noi c'è un certo Grillo che attacca la stampa dicendo che copre e mistifica le (loro) "Verità". Il nostro non è come l'altro personaggio da operetta, è un buon guitoo, E pure l'uno ha vinto le elezioni ottenendo la maggioranza e l'altro , dicono, è in testa ai sondaggi. Più recitano senza copione, più il popolo si innamora di loro. Citando umilmente Petrolini, Noi propendiamo per il dispiegarsi di un fenomeno che potremmo chiamare Internazionale Populista. Paranoici? Chissà. (Daniele Bartalesi)

    Report

    Rispondi

    • tamaramerisi@gmail.com

      tamaramerisi

      09 Febbraio 2017 - 09:09

      Paragonare va bene, ma dall'esercizio a me viene un risultato dverso: Grillo e Trump sono come un limone e un telefono, essenzialmente, esistenzialmente e oggettivamente diversi al punto da non essere nemmeno paragonabili. La tiritera sul populismi del mondo m ha stufata, denota mancanza di argomenti, di approfondimento, di capacità e voglia d capire e ricordare la storia, o di comprendere individui, popoli e sistemi costituzionali diversi. È una tiritera inutilmente uniformante e omologante. Un frullato marroncino che dei frutti che contiene ha perso colore e sapore. Se lo beva chi si accontenta, ma non ne trarrà alcun nutrimento, e resterà ignorante. Responsabilità? Dei media.

      Report

      Rispondi

      • franco.bolsi

        09 Febbraio 2017 - 11:11

        La tiritera sui populismi ha stufato e parecchio. Incapaci di modificare e accogliere istanze, è la politica bellezza, non resta che demonizzare. alla fine ci rimetteremo tutti. Ciao. Ps iscriviti a disqus che magari ci si ritrova in giro.

        Report

        Rispondi

  • adebenedetti

    08 Febbraio 2017 - 21:09

    Cerchero` di evitare di leggere i suoi articoli su Trump. Dato che sono ospite ma pagante in quanto abbonato non mi permetto di dire piu` niente. E` per me triste dopo anni di lettura constatare che tra Lei e il Fatto,su Trump, non c`e` piu` nessuna diversita`.

    Report

    Rispondi

    • tamaramerisi@gmail.com

      tamaramerisi

      09 Febbraio 2017 - 10:10

      Io invece proprio per questo amo sinceramene il Foglio e lo trovo una perla rara, unica in europa, preziosissima: ti fa pensare! Ti fa dibattere! Ti offre il mglio che ha e ti chiede il meglio di te: apertura, ragionamento, ricerca della verità, tolleranza, ascolto (asolto, ascolto ascolto). Non fa nulla per "confermarti" nè per "conformarti" ti lascia libero, e responsabile quindi dell'opinione che ti fai e che puoi cambiare, padrone del tuo pensiero autonomo. La libertà costa fatica, ma ne vale la pena !! Ciao da Londra (no Paper here...) PS Grazie Elefantino! E grazie delle ciliegine squisite!

      Report

      Rispondi

      • wind_2013

        09 Febbraio 2017 - 13:01

        Complementi. Lo spirito del Foglio non poteva essere descritto meglio.

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

Servizi